14 novembre 2010

IL CODICE MAYA DRESDA PREDISSE UFO NELL'ECLISSI DEL 1991

Il codice Dresda, uno dei documenti risalenti alla tradizione Maya, attesta che l’eclisse solare totale dell’11 luglio 1991 avrebbe preannnunciato avvenimenti fondamentali per la vita dell’uomo: grandi mutamenti sulla terra e la conquista della consapevolezza attraverso l’incontro con i maestri delle stelle…

L’eclissi avrebbe segnato la nuova era, e segni prodigiosi sarebbero venuti dal cielo.

L’eclissi dell’11 luglio del 1991 durò 6 minuti e 45 secondi.

Il cielo inizialmente era nuvoloso, ma alcuni minuti prima dell’eclisse si rischiarì, comparve una luce simile ad una stella che sembrava pulsare, l’oggetto fu avvistato e filmato a Città del Messico e Puebla, una città distante più di 130 km da Città del Messico, quindi chi ha analizzato i video ha pensato a due ipotesi, la prima è che l’oggetto non fosse stato uno solo, ma ci fossero due oggetti, la seconda è che l’ufo avesse compiuto un ipersalto, come nel filmato di un ingegnere.

Il pieno eclissi si ebbe alle 13:24, mentre l’avvistamento dell’oggetto inizia verso le 13 e dura per 20-30 minuti.

L’ingrandimento mostra chiaramente un disco metallico con lo scafo di forma circolare, fluttua lentamente riflettendo la luce del sole e ruotando sul suo asse, ma ogni tanto fa dei movimenti repentini, le dimensioni non possono essere definite per mancanza di punti di riferimento.

Il 23 novembre dello stesso anno viene avvistato e filmato, sul monte Unsen, lo stesso oggetto filmato su Città del Messico e Puebla.

Questo UFO restò anche la notte, compiendo solo piccoli movimenti. La mattina era ancora li.





Nell’analisi del filmato, si può notare che:


1) c’è energia intorno all’oggetto,


2) l'oggetto ha una pulsazione,


3) funziona con un sistema di propulzione in quanto vicino all’oggetto si formato una specie di vortici.



Le eclissi hanno avuto un ruolo straordinario nella storia della mesoamerica, rappresentavano infatti chiari segnali dell’inizio o della fine di un’era.


Allo sparire del sole, inghiottito dall’ombra della luna, nasceva una nuova epoca.
I Maya possedevano una profonda conoscenza dei cicli terrestri, individuati grazie ad antichi testi, come il codice Dresda, ritenuto un calendario di eventi a partire dal 3114 a.c.


di Gabriel Pierattelli su contributo di Luca Martelli
Fonti: www.ufosight.net/index.php?idart=1&idsez=5 - http://www.mitiemisteri.com/

Nessun commento:

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...