9 febbraio 2012

I LETTORI RACCONTANO - L' AVVISTAMENTO UFO DI UN EX MILITARE

Anni 90. Un incredibile e singolare avvistamento di UFO - tre sfere di luce triangolari che diventano una dopo un "risucchio" e un velivolo dalla forma di disco volante (forse lo stesso oggetto?) - ci viene segnalato da Francesco P. un lettore del blog Noiegliextraterrestri che all'epoca frequentava un corso per allievi ufficiali presso la Scuola di Fanteria dell'Esercito di Cesano, Roma. Seppur datato, l'avvistamento non ha certo perso la sua importanza e il suo valore. Ecco a voi l'esperienza di Francesco:

Salve, seguo con interesse il tuo blog ormai da qualche mese e finalmente mi sono deciso a dire la mia sul caso ufo con una segnalazione che mi riguarda. La mia esperienza è avvenuta a metà anni 90 (non ricordo bene l'anno anche se dagli incartamenti posso recuperarlo). All'epoca avevo 23-24 anni ed ero allievo ufficiale presso la scuola militare di fanteria e cavalleria di Cesano di Roma. Sapevo del fenomeno ufo ma, sempre all'epoca, non mi interessava un granche, anzi per niente.

Un pomeriggio d'inverno, intorno alle 18,00 mi trovavo fuori, in fila, in attesa di entrare alla mensa per la cena. L'edificio della mensa si affacciava sulla parte interna della scuola che da sugli ettari ed ettari di "territorio militare" (la scuola è la prima o la seconda piu grande d'Europa per estensione). Mentre ero in fila pensavo ai fatti miei, circondato dalle conversazioni e brusii dei militari. Un giorno come tanti insomma. D'un tratto, alla mia destra, verso le colline ed alture brulle, alla distanza approssimativa di 700 metri si alza, nel silenzio piu assoluto, da dietro un boschetto tre luci d'intensità fortissima. Le tre luci fomavano un triagolo capovolto ed emanavano una luce molto forte con delle striature orizzontali che si muovevano dal basso verso l'alto, tipo un vecchio televisore che si sintonizza. (è difficile a descrivere). Era uno spettacolo. D'improvviso queste luci vengono come "risucchiate" e si trasformano in un punto di luce che scompare. A questo punto, ancora piu lontano (e alla sinistra del punto di luce appena scomparso) vedo una sottile silhouette a disco che solca l'orizzonte a velocità incredibile. La sua andatura era a "scatti". Era come se facesse 2, 3 chilometri e si fermasse e cosi via. L'oggetto solcò l'orizzone visibile da destra a sinistra in 3 forse 4 secondi per poi scomparire in lontananza. Ora la cosa ancora piu strana è che nessuno dei presenti eccetto me ed un ragazzo che mi stava accanto (di cui non ricordo il nome ma la faccia e che comunque non faceva parte della mia squadra) ci rendemmo conto (almeno a giudicare dalla sua espressione attenta) di cosa era successo. Tutti gli altri (eravamo forse 60- 70 persone) non si accorsero di niente e continuavano a parlare. Eppure quelle luci erano molto vicine ed intense e brillanti...
Tu potresti dirmi che forse era un elicottero. Ma vedi, di elicotteri nella zona, per le esercitazioni, ne passavano molti e credimi, conosco bene la differenza! Quantomeno fanno rumore, quantomeno si distingue la silhouette che non è nascosta da luci fortissime...

Un altra cosa strana è che dopo l'avvistamento non mi feci molte domande. Si, vidi qualcosa di strano. Punto. Fu dopo alcuni anni che rielaborai quanto avevo visto, cosi, da un giorno all'altro, arrivando alla conclusione che quello che avevo visto era un ufo, un oggetto non identificato. Eppure non sono una persona superficiale. Mi considero riflessiva, attenta. Una persona a cui piace "rimuginare" sulle cose. E allora perche all'epoca non mi feci molte domande. Perche non chiesi a quel ragazzo che stava accanto a me se anche lui aveva visto cosa avevo visto io. Bhe, non lo saprò mai.
Un saluto e grazie per aver letto la mia storia.

Francesco

Ps: non sono piu un militare da molti anni


A cura di noiegliextraterrestri.blogspot.com

4 commenti:

Anonimo ha detto...

A leggere la storia come l'hai scritta vengono in mente alcune riflessioni.1)Negli anni novanta specie nelle regioni del Nord Europa c'è stato un incremento degli avvistamenti di Ufo.2)La forma triangolare in quegli anni ebbe un proprio e vero boom.3)L'area militare,quindi inaccessibile ai più esclude la presenza di velivoli civili come piccoli aerei.4)L'assenza di rumore.Anche a quella distanza il rumore del rotore di un elicottero sarebbe stato udibile,e in quegli anni gli aereomobili di tutti i tipi producevano rumore con i motori.5)Le luci che si fondono fanno pensare a una struttura che modifica in volo la propria forma.In quegli anni esistevano già degli aerei in grado di modificare anche notevolmente l'assetto delle ali,ma modificare tutta la fusoliera è un'altro conto.6)Fra tutte le persone presenti tu e il tuo commilitone siete stati gli unici a capacitarvi dell'avvenimento,come se per gli altri fosse tutto normale,altro elemento strano.Hai anche detto che la scuola è una delle più estese d'Europa.Qui si può fare una considerazione.In quel periodo si parlava già di progetti di aereomobili ad elevatissime prestazioni che erano in corso di valutazione da parte degli Usa,e che promettevano prestazioni impensabili fino ad allora.Consideando che le prove venivano fatte con l'oscurità e in aree interdette ai civili,può darsi che tu abbia visto un progetto di aereo segreto.Se ti capitasse fra le mani una rivista aereonautica specializzata di quel periodo vedrai che si parlava già di aerei sperimentali di forma triangolare spinti da innovativi sistemi di propulsione,avvenieristici per il periodo e forse anche tutt'oggi.Non si può peraltro escludere che si trattasse di un oggetto estraneo alla base e ai suoi occupanti,e che ha solo sorvolato lo spazio aereo della base.Hai però commesso un errore:avresti infatti dovuto mettere per iscritto ciò che ricordavi,in maniera da fissare quanti più particolari.Col tempo infatti questi ultimi tendono in parte a modificarsi,e avresti dovuto mettere per iscritto anche le sensazioni del tuo commilitone,in modo da avere una versione soggettivamente diversa dalla tua anche se comune.Hai fatto bene invece a non farne parola con i tuoi superiori.Nella migliore delle ipotesi ti avrebbero risposto che ti eri sbagliato,se non di peggio.La forma triangolare fra l'altro sta tornando a fare sempre più spesso la sua comparsa ultimamente,chissà se è un caso. Ciao Ignazio

Anonimo ha detto...

Uno degli Ufo che nel 1990 ha sorvolato il 30 e il 31 Marzo i paesi della Nato e dell'Unione Sovietica,con il suo sorvolo, che le parti imputavano l'una all'altra per poco non faceva scoppiare la Terza Guerra Mondiale.Mortacci Loro. Tommaso

Francesco ha detto...

Grazie del tuo commento Ignazio il quale devo dire mi ha fatto riflettere. Devo pero fare alcune considerazioni e puntualizzazioni. Il punto 5 da te citato. Il velivolo, nel momento in cui le sue luci si sono fuse in una sola era fermo e non in movimento. Si era sollevato da dietro un boschetto ed era immobile. Seconda considerazione che voglio fare è la seguente. E' vero che, come dici tu poteva essere un velivolo non convenzionale, un velivolo sperimentale. Ci ho pensato anch'io. Quello che però mi ha fatto propendere per l'ipotesi ufo è stata la sua velocità. Infatti, l'oggetto ha percorso tutto l'orizzonte visibile in non piu di quattro secondo con una andatura a scatti. Era come se sfrecciasse e si fermasse e cosi via. Allo stato attuale, credo e ripeto credo non ci sono velivoli cosi veloci i quali peraltro anche se esistessero non potrebbero occupare piloti a causa della loro accellerazione. Credo infatti che nessuno potrebbe sopravvivere a quelle velocità.

La mia personalissima interpretazione è che il velivolo, una volta fermo sia "balzato" in direzione opposta rispetto a dove mi trovavo, con una vera e propria velocità curvatura il cui termine, spero possiate perdonarmi, ho preso a prestito da Gene Roddenberry e dalla sua fortunata serie televisiva Star Trek. Solo con una velocità tale si avrebbe infatti la sensazione che le tre luci vengano "risucchiate" in un unico punto di luce e sempre con una velocità del genere si puo solcare tutto l'orizzone visibile in pochissimi secondi.
Hai ragione a dire che avrei dovuto mettere per iscritto la mia esperienza la quale potrebbe essersi modificata e contaminata in base alle mie convizioni. Questo è vero ma è anche vero che quello che ho visto mi ha cambiato profondamente e bhe, non è che abbia visto un alieno in carne ed ossa. In fin dei conti è stato un oggetto che solcava il cielo in una situazione di luce sufficiente (tramonto). La sobrietà e la semplicità di quello che ho visto, la condizione in cui ho visto l'avvistamento, ossia una situazione di rilassatezza e tranquillità mi fanno credere, e ripeto credere, che la mia esperienza sia rimassa fissata nella mia mente in maniera abbastanza alterata. Ad ogni buon conto ed oggettivamente parlando devo effettivamwnte prendere in considerazione che possano esserci state alcune alterazioni dovute al passare degli anni.
La cosa che mi fa riflettere è perche una cosa cosi semplice abbia cambiato il modo in cui considero il fenomeno ufo, e perche questa sia spuntata all'improvviso dopo alcuni anni. In fin dei conti quel semplice avvistamento conteneva anche elementi di per se abbastanza "strani" eppure all'epoca mi lasciarono totalmente indifferenti.

Anonimo ha detto...

Per Francesco.Uno egli elementi che contraddistingue il volo di molti ufo e lo spostamento rapido in uno o più sensi alternato a movimenti a scatti,a volte in verticale.E un'aspetto sconcertante come se avessere dei problemi con l'apparato propulsivo.Cosa da non escludere sulla terra visto che presunti crash sarebbero stati causati dalle onde radar dei nostri apparati.Nel tuo caso l'ufo stava proprio sorvolando un'area militare.Non avevo ben colto il fatto che l'ufo si sia sollevato da un boschetto della stessa base.Il comando militare era al corrente della sua presenza,o e atterrato non visto per poi riprendere il volo?Chissà.Certo è che gli ufo hanno un grande interesse per le nostri basi militari,specie se contengono armi nucleari.Ma non credo sia il tuo caso.L'esempio che ti ho fatto degli aerei sperimentali superveloci,l'ho proposta perche in quegli anni si vociferava e si pubblicavano articoli più o meno infomati sulle riviste specializzate,di aerei con motori antigravitazionali che promettevano prestazioni stupefacenti.Si hai letto bene motori antigravitazionali,gli stessi che i più o meno informati dicono essere i sistemi propulsivi degli ufo.Certo a differenza del tuo non era previsto che l'aereo modificasse la sua struttura in volo rettilineo o stazionario,e già questo lo configura come qualcosa di diverso.Come appassionato di aereonautica ti posso dire che certi proggetti americani di aerei tutt'ora in servizio mi hanno sempre lasciato la puzza sotto il naso.Troppo diversi,troppo anticonvenzionali,troppo sofisticati per la tecnologia del tempo.Ho sempre avuto la convinzione che i proggettisti abbiano preso a piene mani da sacchi non loro,e cioè che avessero come modelli a cui ispirarsi velivoli non terrestri.Come ha detto qualcuno sul blog l'Agenzia Darpa statunitense mesi fa ha perso in un volo di prova un aereo che viaggia a 9000-11000 km/h,tanto per intenderci vola dagli Usa all'Europa in meno di mezz'ora.Io sono sicuro che qualche "aiutino"da qualche parte lo abbiamo preso, e forse e qualcosa di più.La tecnologia stessa negli ultimi decenni ha fatto salti da gigante,come se qualcuno di più preparato ci stesse dando una notevole spinta in quel senso. Saluti Ignazio

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...