29 giugno 2012

ANOMALIA DEL BALTICO: IL SONAR 3D RIVELA UNA COSTRUZIONE UMANA


Nuovi dati molti interessanti sono emersi dalla seconda spedizione dell'Ocean X Team sul fondale del mar Baltico. La struttrura è a forma "di fungo" grande 180 metri di diametro, la cupola poggia su un pilastro ed è simile al calcestruzzo, e da quello che ha rilevato il sonar sottomarino tridimensionale sembra essere un qualcosa che è stato costruito dall'uomo poichè al suo interno presenta muri lisci e dritti, angoli retti, cavità e corridoi. In Rete, qualcuno ha ipotizzato si possa trattare di un bunker. Vediamo l'articolo della notizia. Annalisa

Quanto trovato sul fondo del mar Baltico si sta trasformando in una delle scoperte più sorprendenti e imbarazzanti della storia. Il team OceanX ha scoperto angoli retti, pareti con superfici assolutamente lisce e cavità, con corridoi all’interno dell’oggetto oltre a qualcosa di simile ad una scala, è sempre più strano. L’immagine Sonar 3D, vedere la foto sopra, rivela linee perfettamente rette e angoli incorporati dentro la struttura.
“Quando siamo usciti e ho visto i muri che erano lisci e dritti, sono rimasto impressionato, come in un film di fantascienza”, ha detto Dennis Asberg (Co-fondatore Ocean Explorer).
Dalle diverse relazioni e le interviste abbiamo raccolto i seguenti dati di anomalia.

- L’esterno è una piastra completamente circolare.
- Misura 180 metri di circonferenza.
- L’oggetto si alza per 8 metri dal fondale con una forma di fungo, la parete laterale comprende un pilastro che aumenta di spessore come una cupola di 4 metri di spessore sulla parte superiore ed arriva ad una altezza di 12 metri al di sopra del fondale circostante.
Ci sono cerchi di pietra, dall’aspetto di “camini”, di dura pietra nera bruciata “sembra pietrificato” c’è come una collana in vari accordi sulla parte superiore della cupola, ogni pochi centimetri di diametro, come 4 o 5 perle l’una .


- L’oggetto sferico soprannominato “la meringa” è di 4 metri di larghezza e si trova sulla parte superiore dell’oggetto.

Sulla parte superiore dell’oggetto c’è un foro di 25 centimetri, non si sa ancora dove conduce o cosa ci sia dentro.

- L’oggetto si trova al culmine di una pista che pare essere la “traccia di una frenata”.

Ora che aumentano le informazioni si rivela sempre più un mistero e la curiosità cresce.
Una terza spedizione, da parte del team, prenderà il via tra circa due settimane, si spera di escludere alcune delle possibili spiegazioni e raccogliere più dati anche per far luce su questo mistero più sconcertante.
In una recente intervista radiofonica svedese, Aasberg ha descritto alcune caratteristiche sorprendenti, che sembrano indicare che l’oggetto è stato costruito dall’uomo, o forse una formazione naturale che sia stata alterata prima dell’ultima glaciazione. In varie interviste radio e TV la squadra ha descritto le superfici della cupola come simile al calcestruzzo sia in consistenza che per l’aspetto. Il pilastro massiccio su cui poggia cupola può essere fatta di un materiale differente che indica che l’intera anomalia non può essere un pezzo unico, ma piuttosto due oggetti separati con la cupola che poggia sulla parte superiore della colonna centrale, e in caso affermativo, chi o cosa ha piazzato la cupola in cima? Inoltre, quando diciamo pilastro – questo è un pilastro che è di circa 180-190 metri di spessore.


“Siamo andati due volte in zona, e il punto interrogativo è diventato molto più grande adesso”, dice Dennis Åsberg. Ha una forma completamente circolare con 180 metri di circonferenza, e, pertanto, si riteneva che fossero le tracce di una meteora “.


A circa 200 metri di distanza si trova la seconda anomalia che è ancora da esplorare! Le immagini iniziali del sonar sidescan mostrano qualcosa descritto dal team come a forma di “finestra di una chiesa gotica”. Simile a l’anomalia principale anche questo oggetto ha uno ‘pista’ che conduce ad esso nel fondo marino. I sommozzatori erano così stupiti dalla anomalia principale che semplicemente non hanno avuto il tempo di tuffarsi sul secondo. Il viaggio di ritorno fra due settimane dovrebbe rappresentare un’opportunità per esplorare anche questo.
C’è la possibilità reale che la seconda anomalia possa contribuire a dare indizi per capire l’origine e la natura dell’oggetto principale.
Lindberg conclude: “I dati 3D del sonar Multibeam richiedono tempo per essere processati. Non avremo risultati fino alla fine della prossima settimana, allora saremo in grado di vedere le prime immagini in 3D della zona. Ho visto i dati grezzi però, e se quello che ho visto sarà confermato dal risultato finale avremo alcuni fatti abbastanza sorprendenti a cui pensare. ”

RAPPRESENTAZIONE ARTISTICA DELLA MISTERIOSA COSTRUZIONE


fonte

5 commenti:

simone708 ha detto...

Annalisa, sono un po' confuso: piattaforma, pilastro, fungo, cupola, ecc ... tutti questi nomi con le relative misure non pensi che meriterebbero uno disegno illustrativo? Pensi che qualcuno potrebbe averne disegnato uno?
Grazie! (questa scoperta fa venire i brividi...)
Ciao!

Annalisa ha detto...

Hai ragione :-) aspetta che la cerco, perchè c'è un disegno illustrativo...

Annalisa ha detto...

Ecco, questo è il link dove potete vedere una recente illustrazione della misteriosa costruzione:

http://www.thetruthbehindthescenes.org/wp-content/uploads/2012/06/baltic-sea-ufo-6.jpg

simone708 ha detto...

Grazie Annalisa!! Bravissima!!

Vyger ha detto...

Entro la fine dell'anno sicuramente sapremo molto di più di queste anomalie... uhm, forse il 21/12/2012? :)

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...