26 giugno 2012

LA SCOPERTA DEGLI ALIENI NON DISTRUGGERA' LE RELIGIONI (?)

Ma ne siamo prioprio sicuri? Il direttore dell' Intestellar Message Composition del Seti ed altri ricercatori riunitisi il 24 Giugno al SETIcon 2 a Santa Clara, California, sono convinti che in caso di una pubblica ammissione dell'esistenza di vita aliena intelligente la popolazione non ne rimarrà tanto scioccata poichè giustamente, oramai ha preso domestichezza con questa nuova realtà - e fin qui è corretto. Ma l'affermare che le religioni non verranno spazzate via ma addirittura si rinforzeranno mi sembra molto ostica come visione, improbabile, perchè dovrebbero, al contrario, non sussistere più nei loro credi e dogmi millenari, e questo significherebbe tramutarsi in menzogna alla luce del sole; e per la verità già sta succedendo. E da qui mi sorge una domanda (mi chiedo se se la siano fatta anche quelli del Seti): ma in caso di un futuro Contatto con delle civiltà stellari, le religioni e i loro dogmi non verrebbero - e giustamente - spazzati via una volta per tutte, come pure l'attuale sistema politico-economico? A voi la notizia. Annalisa


La scoperta di altre forme di vita nell’Universo destabilizzerebbe tutte le nostre certezze e i nostri punti di riferimento, eccetto la fede. Ne sono convinti alcuni studiosi che ad una precisa domanda hanno risposto che le grandi religioni sarebbero ben poco intaccate dalla clamorosa rivelazione nè vedrebbero minacciata la loro credibilità.

Un esempio? Gli enormi progressi della scienza negli ultimi secoli non hanno sgretolato i dogmi della Chiesa Cattolica: la teoria evoluzionistica di Darwin smentisce la creazione raccontata dalla Bibbia, eppure milioni di persone al mondo continuano a ritenerla un testo sacro.

O ancora, da tempo sappiamo- grazie a Copernico- che è la Terra a girare attorno al Sole, e non il contrario come pensava Giosuè, ma per i credenti resta un grande profeta. Nello stesso modo, se un giorno dovessimo scoprire di non essere gli unici figli di Dio, la reazione potrebbe essere sorprendentemente tranquilla.

“Penso che forse, all’inizio, le principali religioni subirebbero un contraccolpo- dice Doug Vakoch, direttore dell’Intestellar Message Composition presso il Seti, in California- ma la mia personale sensazione è che non sarebbe così profondo come si immagina.”

Certo però la Bibbia, il Corano e gli altri testi religiosi si riferiscono a un Dio essenzialmente concentrato sull’umanità e sul nostro pianeta. La presenza di creature extraterrestri- dai microbi a civiltà avanzate- appare come un’eventualità molto pericolosa, visto che renderebbe noi e la Terra assai poco speciali.

Non la pensa così Seth Shostak, figura storica del Seti. “È da parecchio che non siamo più al centro dell’universo, da almeno quattro secoli!”, ironizza l’astronomo. E l’inviduazione di nuovi pianeti extrasolari ce lo ricorda ogni giorno. Centinaia di mondi, quelli visti finora, ma potenzialmente mondi infiniti, proprio come diceva Giordano Bruno: sarebbero infatti miliardi i corpi planetari sparsi nel cosmo e di essi chissà quanti possono avere caratteristiche simili a quelle terrestri.

Un giorno, da lassù, potrebbe arrivare la svolta storica. “Sì, ma abbiamo già avuto prova, nel recente passato, di come sarebbe la reazione se mai scoprissimo un E.T.” insiste Shostak. Lo scienziato allude agli studi degli anni ’70, quando i canali avvistati su Marte vennero interpretati come tracce lasciate da una civiltà progredita. “Templi, chiese e moschee non crollarono affatto e la gente non è impazzita”, chiosa l’astronomo.

Non solo. Secondo i ricercatori, la notizia che non siamo soli nell’universo non scioccherebbe la popolazione mondiale più di tanto, perchè è sempre maggiore il numero delle persone che crede negli Alieni. “Se chiedi se esistono, quasi tutti ti diranno di sì- conferma lo scrittore Robert Sawyer, che ha partecipato alla discussione. “L’opinione prevalente è questa, per lo meno nell’ultimo sondaggio tra gli Americani che ho letto io.”

E così, anzichè essere sconvolte e devastate dall’annuncio dell’esistenza di vita intelligente su un altro pianeta o su qualche luna, le religioni organizzate potrebbero assimilare presto la novità ed utilizzarla a proprio vantaggio. Durante il dibattito, Vakoch ha citato come esempio un teologo battista, Hal Ostrander, pastore in una chiesa della Georgia.

“Padre Ostrander è fieramente contrario alla teoria darwiniana, eppure non ha alcun problema ad accettare l’ipotesi aliena. Dice che è come se una coppia, dopo aver avuto un figlio, decidesse di averne un altro. Il secondo bambino sarebbe forse meno importante del primo? Lo stesso vale per Dio: può avere deciso di dare la vita ad un pianeta, poi ad un altro, poi ad un altro ancora… Ma tutto ciò non ci rende meno speciali.”

14 commenti:

gianni ha detto...

Come dicono i Litfiba:Si puo` vincere una guerra in due
E forse anche da solo
E si puo` estrarre il cuore anche al piu` nero assassino
Ma e` piu` difficile cambiare un' idea ..

Ed è per questo che in italia, a livello politico, vincerà nuovamente un partito corrotto.

Sarebbe cosa buona e saggia che le religioni sparissero e che gli estremisti sparissero con loro.

Anonimo ha detto...

E cara Annalisa anche a me piacerebbe si verificasse la cosa da te descritta.

Purtroppo però ho come l'impressione che i vari "profeti" delle religioni volgerebbero a proprio vantaggio questa scoperta. Per una completa eliminazione delle religioni nonchè distruzione immediata dell'aspetto economico politico secondo me bisognerebbe che gli alieni prendessero il controllo totale dei media cosa che, purtroppo, a causa della legge sul liberio, potrebbe non avvenire mai.

Federico

Aquila ha detto...

Quando avverra' il contatto con civilta' aliene progredite e pacifiche, per l'umanita' si apriranno scenari nuovi, conoscenze tecnologiche improntate alla produzione di energia a costo zero,alla salvaguardia del ns pianeta che considereremo finalmente come un'entita' vivente,e per ultimo, ma non meno importante, la consapevolezza di un creato popolato da diverse razze e civilta', l'esistenza di un Dio Universale e probabilmente alla riconsiderazione di tutte le religioni, potrebbe anche darsi che nasca una nuova religione e che i fedeli si convertano a questa, cio' che importa e' che con l'avvento del contatto, molti veli e molti misteri vengano finalmente portati alla luce. Lo spero. Stefano

Annalisa ha detto...

Non ci dovranno più essere religioni quando li incontreremo... non ce ne sarà più bisogno perchè l'uomo dovrà comprendere di avere una spiritualità interiore, di possedere quella sacralità innata perduta da moltissimo tempo. Chi capisce questo non ha più bisogno di religioni, e qualcuno che l'ha capito c'è già adesso.

Anonimo ha detto...

Il problema di fondo è sempre lo stesso: se Dio non esiste amen. Se Dio esiste allora è Creatore sia di noi che di loro...
Personalmente non comprendo che ci sia di male nel pensare ad un Padre che sia veramente, e nel senso più ampio possibile... nostro.
Alessandro

The rock ha detto...

Cara annalisa e blogger,magari sparissero sia le religioni che la politica sono solo parastrutture inutili e dannose a causa loro si sono consumate le più atroci guerre.
Noi non abbiamo bisogno ne delle stronzate mistico-religiose,ne delle panzane politiche almeno in italia,la politica forse servirebbe se fosse improntata al benessere del popolo come nei paesi scandinavi ma da noi non serve a un C....o!
Cmq io auspico che l'unica cosa che ci servirebbe x sopravvivere e sopravvivere bene ce la possano dare gli et,alieni o come volete chiamarli cioè una nuova terra,necessitiamo di acqua,aria e suolo puliti x ricominciare a sperare nel futuro,cosa che adesso non esiste!
Attualmente per soddisfare le necessità dei popoli ci vorrebbe una super terra almeno con una massa doppia rispetto a questa,ma credo che una super terra di massa pari a 15 volte quaesta nostra e quindi con una superfice (crosta) pari a 2,25 miliardi di Kmq sia sufficiente ad assorbire i prossimi 10,5 miliardi di umani e a sostenerli con un uso moderato e oculato delle proprie risorse x miliardi di anni.
Ciao a tutti

Petali di stelle ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Annalisa ha detto...

Cara Petali di Stelle, quanto tempo che non ci si sente! Quello che dici mi lusinga, grazie mille. Lo spero anche io che un giorno, un giorno non utopico, delle persone giuste, meritocrate, possano occupare posti di rilievo e guidare la comunità. Il mondo ha urgentemente bisogno di guide giuste e illuminate (e non nel senso degli "illuminati"). Ma tant'è... tutto all'incontrario... sembra stiamo assistendo alle macabre esequie di questo povero mondo.
Un abbraccio.

Anonimo ha detto...

Ciao Annalisa mi chiamo Guido,ti faccio i miei piu' sinceri complimenti per il tuo lavoro che stai svolgendo egregiamente,sia nel far conoscere e risvegliare la spiritualita' che e' in noi,sia per mettere a nostra disposizione la fantastica esperienza che hai vissuto,stai dando il tuo contributo per questa nuova era che presto verra. grazie di cuore.

Annalisa ha detto...

Grazie mille Guido.

Irrealista ha detto...

Cara Annalisa, scrivo per esprimere, seppur nel solco degli argomenti del sito in generale, certe riflessioni che mi capita di fare, mi spiego: io leggo, mi informo e studio la fenomenologia degli OVNI, così come quella degli antichi astronauti, ma anche di tutta la parte "misteriosa" delle scienze e della storia fin dai primi anni novanta, quando ero un ragazzino, mi facevo tante domande e vagliavo le più disparate teorie, il tutto però sempre corroborato da un salutare dubbio, ma sempre tenendo aperte tutte le porte, feci mio il motto di Fort: credo in tutto e credo in niente... naturalmente da non intendersi letteralmente ma comprensibile dopo una lenta digestione come una sorta di viatico nelle solitarie dissertazioni sul *non-conosciuto* e il *possibile*... tutto questo per dire a te come agli altri convenuti, che prima di tacitare sbrigativamente cose come la filosofia, la morale e la conoscenza portate dalla Chiesa, e quindi parlando solo della Chiesa Cristiana con le Sacre Scritture e tutta la patristica, gli insegnamenti, insomma mi pare un poco avventato... la religione è un complesso di fenomeni (e soprattutto epifenomeni!) talmente complesso, vasto e articolato che le maggiori personalità della Storia non hanno potuto fare a meno di confrontarvisi e nella quasi maggior parte dei casi è giunta alla Fede. Non voglio farla troppo lunga, voglio solo farvi partecipi del fatto che ho notato che sempre più spesso si va formando una sorta pseudo-pensiero di tipo ateo-gnostico, dove si tende a liquidare innanzitutto l'esistenza di Dio e del suo essersi rivelato nella Parola e nella carne in Gesù... forse perché questo è assimilato alla vicina Chiesa con annesso oratorio che assieme a casetta propria possono simboleggiare nell'adolescente in un certo qual-modo l'ovvietà e la quint'essenza del non-esotismo, rappresentano il vecchio (cosi come spesso si mette in questo pastrocchio anche i "vecchi" partiti e quindi l'intero sistema), ecco quindi uscire l'ateismo che si coniuga con tanti, queste si vecchi, apporti: dallo gnosticismo neoplatonico, dalle suggestioni rinascimentali rosacrociane e similia, fino alla teosofia, per giungere alla fenomenologia UFO: il tutto però miscelato a dovere in un minestrone e cotto a puntino al fuoco nelle più varie interpretazioni dove vengono passate per buone il soddisfacimento sfrenato dei sensi, il ribellismo fin quasi anarchico, la ricostruzione di un tempo passato buono per tutte le stagioni, la demonolatria e le tante altre "liberazioni" dal "non si sa bene cosa".

Quello che voglio dire è che la cosa più sbagliata è buttare il bambino con l'acqua sporca, come pure lo scadere dal giusto vaglio e discernimento della Verità Rivelata e delle strutture terrene che da secoli se ne occupano, all'arrogarsi di essere giunti a verità ultime diverse e comprensive del Tutto, trattando dall'Alto di tre o quattro decine di anni di vita e non si sa bene quanta erudizione e quali esperienze come poveretti arretrati coloro che si permettono al massimo di osservare e raccogliere informazioni pur rispettando il sapere e la conoscenza dei millenni e delle moltitudini di saggi e profeti venuti prima di noi.

niente di nuovo sotto al sole: la solita ignoranza, l'ignavia e il mai sopito bisogno del Sacro mal coniugato nell'ascolto delle moltitudini di falsi dottori.

Michele ha detto...

Perchè l'esistenza di alieni sminuirebbe la nostra importanza agli occhi di Dio? Non ha abbastanza concentrazione per pensare a tutti? non è forse infinito e onnipotente?
L'IMPORTANZA SI MISURA IN SPAZIO?
perchè affermare che non siamo più "al centro dell'universo" solo perchè ci scopriamo sempre piu microscopici in esso? secondo questo perverso ragionamento una montagna dovrebbbe essere amata da dio piu di qualsiasi uomo xD
Qualsiasi valore finito è una nullità se confrontato con l'infinito. Detto questo, non so prevedere come reagiranno le masse ma obbiettivamente la tradizione delle religioni abramitiche (islam,giudaismo,cristianesimo,rasta) sa fornire a molti misteri (come quelli sulle "antiche tecnologie aliene") dei brandelli di spiegazione molto piu convincenti di tutte le teorie bizzarre che girano. presunti extraterrestri (che possono benissimo esistere, per carità) penso siano dei Jinn/Angeli/Ecc. Ci sono Jinn che vivono sulla terra e quelli che vivono su un altro pianeta può benissimo essere chiamato extraterrestre, anzi anche quelli quì presenti vista la loro presumibile provenienza ma sono quì dai tempi di caino e abele quindi ormai sono integrati. celati ai nostri occhi, vivono preferibilmente in radure, aree desertiche, rovine eccc

Petali di stelle ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Annalisa ha detto...

Grazie! Anche io spero abbia ancora lunga vita ^__*

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...