2 agosto 2012

IL SOGNO DELLA GRANDE ONDA

Nel 2000 mi imbattei per caso nelle prime notizie sul sogno della Grande Onda. La cosa mi incuriosì, perché anch’io da anni facevo sempre lo stesso sogno, terrificante, apocalittico, che al risveglio mi lasciava senza fiato. Con la variazione di qualche dettaglio, generalmente in esso si vede il cielo cambiare colore, ogni suono tace di colpo, tutto sembra fermarsi. Poi all’orizzonte inizia a stagliarsi la sagoma imponente di una terrificante onda di tsunami. Il fronte d’onda apparentemente non ha fine, si allarga da un capo all’altro della visuale e sembra ricoprire tutto il pianeta.
Non solo, man mano che si avvicina, ci rendiamo conto della sua altezza: è immensa, come dieci montagne una sopra l’altra. La muraglia liquida si erge come la mano di Dio sopra i miseri costrutti umani, tanto grande da sembrare sospesa in un non tempo, come non dovesse mai abbattersi, scatenando la sua furia distruttiva. Ma lo fa, e palazzi e città crollano come castelli di carta. È il caos generale, persone fuggono ovunque e nell’animo del sognatore sorgono i pensieri più strani.

“Non sopravviverò”, “Nulla sopravviverà”, “È inutile fuggire”.

Eppure chi fa questo sogno quasi sempre fugge o cerca riparo, e in qualche modo sopravvive alla catastrofe. Scoprendo diverse cose interessanti. La prima è che l’onda non sembra fatta solo d’acqua, perché si comporta come si trattasse di un’onda di frequenza, o di energia. E non solo colpisce cose e persone, ma le cambia. In determinati casi, in meglio: talvolta l’onda sembra quasi “purificare” il pianeta da plastica e cemento, risparmiando invece gli elementi naturali. Allo stesso modo, chi sogna sa o “sente” che alcune persone sopravviveranno, quasi fossero state “scelte” dall’onda o dalla natura, mentre altre non ce la faranno.
Spesso, dopo l’Onda nel sogno viene mostrato il mondo del “dopo”. Palazzi distrutti o crollati come per un terremoto, città semivuote o sfollate, gruppi di persone che con abiti logori si radunano nelle piazze piene di detriti e rottami per capire cosa sia successo e per fare il punto della situazione. In queste scene c’è sempre molta paura, sgomento, senso di abbandono, dato che non funziona nulla, né elettricità né automobili né comunicazioni e che non c’è traccia di polizia, medici o vigili del fuoco.

Quello che inizialmente mi lasciò interdetto fu l’incredibile quantità di persone che faceva questo sogno, e la sua ricorrenza. Notai anche che esisteva un denominatore comune tra chi lo faceva: si trattava di persone che da anni praticavano meditazione, arti marziali o training spirituali di qualche tipo, oppure che avevano avuto esperienze di contatto con entità aliene. Com’è noto, da anni ci occupiamo di ricerche su casi di avvistamento UFO e di presunti rapimenti da parte di alieni e abbiamo scoperto che perlomeno il 70% delle persone che dichiara di essere vittima di rapimenti da parte degli extraterrestri ha sogni inerenti all’Onda. Anzi, per molti rapiti tale esperienza è fortemente collegata agli alieni.

Cambiamenti climatici e tempeste solari

Se il sogno dell’Onda è davvero un avvertimento, a cosa può riferirsi? A uno tsunami, o a qualcosa di più globale, un colossale sconvolgimento planetario? Secondo alcuni, il clima del nostro pianeta sta cambiando, dando luogo sempre più frequentemente ad alluvioni, uragani e terremoti.
Possibile che la Terra si stia avvicinando a una metamorfosi climatica totale, il cui apogeo sarà caratterizzato da un terrificante sconvolgimento planetario? Nell’estate 2008, per la prima volta nella storia documentata, il Polo Nord si è ritrovato completamente libero dai ghiacci, che si sono ritirati dai cocenti raggi solari sulle lontane coste del Canada. I giornali dell’epoca titolavano così: “L’Artico può essere circumnavigato: è la prima volta in 125mila anni”.
Il maremoto del 26 dicembre 2004 nell’Oceano Indiano è stato uno dei più eclatanti disastri naturali registrati tra la fine del XX secolo e l’inizio degli anni 2000, avendo provocato circa 230mila morti. Qualcuno all’epoca mi domandò se a mio parere il sogno dell’onda fosse riferito a questo tremendo fenomeno naturale. Risposi: «È solo l’antipasto». Il terremoto avvenuto a Sendai l’11 marzo 2011, ha avuto una magnitudo di 9,0: è stato il più potente sisma mai misurato in Giappone, e il quinto di sempre. In seguito alla scossa si è generato uno tsunami con onde alte oltre 10 metri che hanno raggiunto una velocità di circa 750 km/h. L’onda più alta si è abbattuta presso la penisola di Omoe: era di 39 metri. Ma siamo ancora lontani da quanto hanno visto i sognatori dell’Onda. Se pensate sia un’esagerazione, vi sbagliate: tutti i dati scientifici concordano nello stimare la situazione dei ghiacciai drammatica.
E di sicuro le autorità non rimangono ferme a guardare: non solo il Vietnam o le Filippine avrebbero da temere un innalzamento del livello del mare, ma anche paesi avanzati e industrializzati. Una news del 22 novembre 2010 così titolava: “New York, paura del mare: ecco il piano antiacqua - Barriere di isole artificiali per lottare contro gli effetti del cambiamento climatico - New York comincia a prendere sul serio la minaccia che viene dal mare, ovvero l’innalzamento del livello degli oceani, e corre ai ripari: barriere di isole artificiali, nuovi edifici con basi rialzate, sistemi per difendere metropolitana, condutture idriche, del gas e reti elettriche”, sono alcune delle misure contenute nel rapporto illustrato dalla rivista Scientific American e consegnato all’amministrazione dello Stato di New York. Ma a causare questi sconvolgimenti climatici non è solo l’uomo con l’inquinamento: è in gran parte opera del Sole, che come ben sapevano gli antichi, possiede un ritmo vitale scandito da cicli precisi. Per i Maya, nel dicembre del 2012 finirà la 5° era. Non occorrerà aspettare il 21 dicembre per capire che un processo di sconvolgimento climatico globale è già iniziato da diversi anni. Se pensate che si tratti solo di una fissazione di Maya, altri antichi popoli, vi sbagliate: anche i moderni scienziati si rendono conto che il clima sta cambiando e che il Sole potrebbe provocare danni impensabili. Nel 2009 i giornali intitolarono i loro articoli così: 2012, allarme Nasa: “Black out sulla Terra”. Lo scenario apocalittico della NASA: una tempesta solare bloccherà satelliti e telefonini - Milioni di persone senza elettricità nel 2012, cibo e medicine che vanno a male nei frigoriferi spenti, telefoni e satelliti fuori uso. Uno scenario da “day after” che potrebbe essere derubricato alla voce “catastrofismo”, se non fosse che l’allarme giunge dalla NASA e dalla National Academy of Sciences. E nella parte del cattivo che mette a repentaglio la civiltà, una volta tanto, non ci sono le attività umane, l’inquinamento o il riscaldamento globale. Il nemico a sorpresa è il Sole, artefice della vita sulla Terra, che con un colpo di tosse potrebbe mettere K.O. le infrastrutture sulle quali l’Occidente prospera.

Negli articoli si spiegava quanto affermato di recente dalla NASA, cioè che l’attività del Sole era in aumento, e raggiungerà il picco massimo tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013. Negli 11 anni seguenti l’attività solare sarà ancora più forte. L‘atmosfera di solito ci protegge dalle tempeste solari, ma un’eruzione particolarmente violenta potrebbe essere disastrosa. La parola degli esperti è tutt’altro che confortante: «L’energia elettrica è la chiave di volta tecnologica della società moderna, dalla quale dipendono tutte le altre infrastrutture e gli altri servizi», si legge in un rapporto di 132 pagine commissionato dalla NASA alla National Academy of Sciences. «Se una tempesta solare simile a quella del 1859 avvenisse oggi, assisteremmo a un’enorme devastazione sociale ed economica». Secondo John Kappenmann, coautore del rapporto, se una tempesta magnetica del genere si ripetesse, a ritrovarsi privi di elettricità stavolta sarebbero 130 milioni di individui, con danni per duemila miliardi di dollari.
Non solo: l’attività solare influenza anche il campo elettromagnetico della Terra, a sua volta collegato misteriosamente con le frequenze elettriche del nostro cervello e del nostro organismo. Il DNA dell’uomo potrebbe di conseguenza mutare in qualche modo. È mai possibile dunque che l’onda sognata dalle persone sia in realtà un’onda di tipo elettromagnetico, generata da una tempesta solare di proporzioni mai viste? Oppure, secondo altri ricercatori, come il fisico belga Paul LaViolette, la Terra nel 2012-2013 potrebbe venire colpita da una Superonda galattica proveniente dal centro della Via Lattea, evento ciclico di cui i Maya erano perfettamente a conoscenza.
Quale che sia la genesi di quest’onda energetica, di sicuro la sua potenza distruttiva sarebbe tale da far rischiare lo stallo o persino il collasso alla nostra società ipertecnologica.
Immaginate un’onda elettromagnetica talmente potente da fondere tutti i trasformatori della Terra in un colpo solo: questo è lo scenario ipotizzato dall’Accademia Nazionale delle Scienze americana, in uno studio commissionatogli dalla NASA. Possibile dunque che con questo scenario futuro alle porte, i governi dei paesi industrializzati non abbiano pensato a un piano d’emergenza? Oppure l’hanno fatto, ma senza avvertirci?

Quello che i governi non dicono

In verità sembra che i governi abbiano delle idee molto precise sui possibili rischi derivanti dalle tempeste solari o, forse, da onde di energia provenienti dallo spazio. Le profezie bibliche e sumere sembrano prendere corpo di fronte agli incredibili progetti di alcune nazioni. Basti citare il Global Seed Vault norvegese, un deposito a prova di atomica destinato a preservare tutte le sementi del mondo da un possibile e imprecisato «futuro cataclisma», o la Lunar Ark della NASA, progettata per mettere al riparo sulla Luna tutta la conoscenza scientifica umana assieme a campioni di DNA con cui ripopolare la terra nel caso di un impatto meteorico. Oppure si può scoprire come USA e Russia non abbiano mai smantellato i rifugi antiatomici dopo la fine della Guerra Fredda, anzi li hanno potenziati e aumentati di numero. Stiamo parlando di rifugi capaci di ospitare oltre 60.000 persone per anni, dotati di tutti i comfort e di scorte di cibo in abbondanza. Ma per difendersi da cosa? E chi sarebbero i pochi eletti destinati a salvarsi al loro interno? Chi li avrebbe selezionati? Anche gli ufologi stanno mettendo a nudo dati impressionanti a riguardo. Gli alieni mostrano spesso agli addotti scene di sconvolgimenti planetari in arrivo, a cui “dovremo essere preparati”. Rapiti e contattati spesso vengono addestrati ad affrontare questo scenario apocalittico futuro. Nei “sogni” degli addotti si ripetono visioni di città con palazzi quasi completamente sommersi, flotte di astronavi nei cieli, o la visita a enormi strutture come stazioni spaziali orbitanti o astronavi madre. Apparentemente, gli extraterrestri starebbero approntando queste astronavi per una missione per salvatare milioni di profughi dalla Terra. Possibile che sia tutta una farsa? Che gli specialisti NASA e quelli dell’Accademia delle Scienze americana si stiano sbagliando, che la cripta dei semi delle isole Svalbard o l’Arca Lunare della NASA siano solo delle astrazioni scientifiche? E perché allora questi progetti sono caratterizzati da tanta fretta? La cripta dei semi venne completata nel 2008, in anticipo, ma il contratto con la ditta costruttrice prevedeva che il bunker dovesse essere terminato entro e non oltre il 2012…


Articolo di Pablo Ayo

Anche voi avete sognato l'Onda?

20 commenti:

stella ha detto...

molti anni fa , quando ancora mio figlio era piccolo, feci un sogno di questo genere, una specie di diluvio universale, ma senza pioggia, c'erano le acque altissime, arrivavano onde molte alte, ed io ero aggrappata su qualcosa fatto di legno, e mi passava a fianco un altro oggetto galleggiante su un'onda più alta della mia. ricordo che alla fine del sogno ci ritrovavamo su un piccolo isolotto con poche persone sani e salvi ma spaesati per la situazione. mi sono svegliata angosciata, come se avessi vissuto davvero quella situazione.

Stefano ha detto...

ciao Annalisa, ho visto la conferenza di Pablo Ayo la settimana scorsa a Marina Romea(che è dalle mie parti) è stata molto interessante. ho avuto modo di conoscerlo e parlargli a fine conferenza, è una persona squisita,seria ed è molto preparato. mi ha colpito molto sopratutto per gli studi che ha fatto sul sogno collettivo della grande onda.. ora non più, ma da ragazzino è un sogno che facevo spesso anch'io. fa molto riflettere

eu_genio87@yahoo.it ha detto...

Cara Annalisa volevo premettere che seguo il tuo blog da molto ma ad oggi nn avevo ancora commentato..premetto perchè questo articolo m ha fatto tornare in mente un sogno fatto un pò di tempo fà...ero a casa di un mio amico e di colpo mi trovo a spostare un divano mettendolo sotto una finestra...a quel punto vedo assieme al mio amico il cielo diventare arancione (tipo maglietta dell'olanda)a quel punto il mio amico nel sogno dice "sta accadendo ciò che ha detto Padre Pio" e mi sveglio di colpo...il giorno dopo vado su internet perchè quella frase mi era sembrata strana e scopro che esiste un intera raccolta di profezie di padre Pio...nn so fino a che punto questo sogno sia un avvertimento..

Annalisa ha detto...

Anche io ho sognato l'onda un paio di volte, non era d'acqua ma fatta di frequenza/energia.

Nella prima occasione, 14 ottobre 2009, sognai di trovarmi in un fossato stesa a terra con un'altra persona, maschile, che non ho identificato. Eravamo in campagna e sullo sfondo c'erano case di una città. Sull'orizzonte c'erano due astronavi sigariformi. Eravamo in attesa di qualcosa che non sapevamo cosa, eravamo spaventati ed emozionati, in ansia. Mancavano pochi secondi.
Poi accadde, arrivò questo "qualcosa".
Inglobò tutto.
Tutto il paesaggio era mutato intorno a me: ora era tutto grigio omogeneo, come la nebbia, e quest'altra persona non c'era più.
L'unica cosa che era rimasta era l'astronave sigariforme.
Mi svegliai con l'angoscia, come se l'avessi vissuto realmente.
Nel sogno quell'episodio era riferito all'anno 2012.

Il secondo sogno l'ho fatto questa primavera ed è simile al primo.

Sempre riparata in un fossato, questa volta nella campagna di casa mia, da sola credo.
Attendevo.
L'onda arrivò, ma questa volta sotto le spoglie di un vento spaventoso, che sibilava terribilmente come una dinamo; sembrava di stare veramente dentro un uragano.
Inquientante sogno.

Grazie a tutti per i vostri interessanti racconti.

alessandro di francesco ha detto...

Nonostante sia ossessionato da un'onda anomala che devasta palazzi e ingoia persone non credo di aver mai sognato una cosa del genere. Almeno credo. Ma leggendo di questi sogni collettivi il dubbio che anche io, non ricordandomelo, ne abbia fatto uno di simile mi è passato per la mente. Altrimenti non si spiegherebbe questa ossessione che ho cominciato ad avere in tempi non sospetti (ovvero molto prima dello tsounami del 26 dicembre 2004). Quello che, invece, è stato un sogno ricorrente prima che nascesse mio figlio (adesso ha tre anni) era una sensazione di paura mista all'aspettativa di qualcosa di drammatico che stava per capitare. L’impotenza regna nella mia mente, come se tutto dipenda da cause esterne alla mia volontà. E l’unica immagine che ricordo in questi sogni (oltre a me stesso accovacciato per proteggermi non so da cosa) è il cielo occupato completamente da oggetti volanti: aerei massicci scuri e in assetto da guerra, silenziosi. Aerei di fattura umana e non aliena (credo) ma tecnologicamente superiori rispetto a quelli che siamo abituati a vedere normalmente. La vista del cielo occupato da questi velivoli mi rassicura restituendomi una sensazione di sollievo e di protezione. Mi sveglio turbato ma con la consapevolezza di essere stato protetto da questa immensa flotta aerea che oscurava il cielo.

=Stéx= ha detto...

Alessandro, è fuor di dubbio che l'umanità abbia già realizzato astronavi terrestri.
Pensa ai progetti segreti degli anni '60: all'epoca avevano già realizzato caccia con tecnologia stealth. Com'è possibile dato che i computer non esistevano ancora (o quasi)? Figuriamoci inventare qualcosa che permettesse di rendere invisibile un aereo ai radar!

Ok non riusciremo ancora a fare viaggi interstellari ma... per es... vuoi che non abbiano ancora inventato la gravità artificiale? Facciamo cose inumane fino a 20 anni fa e ancora non abbiamo la gravità in orbita? Ma dai!

Se non la usano è perchè non gli serve ora, tutto qui

angie ha detto...

Ho sognato la grande onda due volte, la prima qualche anno fa, stavo in un grattacielo, e vedevo l'onda gigantesca arrivare, la seconda, ero in montagna e quindi le proporzioni erano ancora più immense....tutto sommato potrebbe essere anche una paura inconscia ...che durante i sogni si manifesta? A forza di parlarne o leggere o guardare film....
Speriamo comunque che se dovesse veramente arrivare, sia quella quantica e non quella di acqua...di mare....
Ciao
Angie

Annalisa ha detto...

No, no niente suggestione o paura inconscia.

Si tratta della catarsi collettiva di una profonda Trasformazione in atto.
Dal centro galattico, che altro non è un Buco Nero, veramente stanno giungendo delle emissioni/frequenze che la scienza ha rilevato ma non sa affatto spiegare.
Gli antichi Maya lo predissero.
E' questo il senso dell'Onda: Trasformazione profonda nella materia visibile ed invisibile - e gli effetti si vedono.
E' l'Onda Quantica.

Ciao angie.

Anonimo ha detto...

Confermo di aver sognato una grande onda che sommergeva palazzi un paio di volte e in altre occasioni che nuotavo in un mare profondissimo ma ero a galla completamente nel panico!! Fabio

Alice Barion ha detto...

Almeno una volta al mese la sogno anche io...sono certa che non è un semplice sogno. Inutile dire che quando ho visto in libreria il libro che parlava del sogno dell'onda mi sono fiondata alla cassa con il libro in mano. Tra l'altro interessantissimo

Lily ha detto...

Ciao Annalisa,

nel 2008 durante una profonda meditazione ho avuto una visione non sogno della "grande onda" ricordo di aver visto l'Europa - l'acqua sgorgava dalle alpi svizzere e ricopriva tutto
Poi gli Stati Uniti dove ho visto inondazioni gente che scappava e grattaceli sovrastati dall'acqua.
La cosa sorprendente è che io mi ritrovavo a bordo di un'astronave. ne vedevo ventinaia intorno a me che prelevavano persone.
nella mia astronave a forma di SIGARO vedono persone da ogni parte del mondo. Io ero sola, non avevo persone che conoscevo con me.

Ricordo di aver avuto la sensazione di apnea per tutto ciò che stavo vedendo ma nessuna paura solo grandissimo stupore. Forse sorridevo di gioia e di sollievo perchè alla fine molte persone di salvavano e riuscivano ad essere salvate.

In un'altra occasione ma non ricordo se sogno o visione ho visto la nuova terra.. un'utopia ad oggi. Era una terra rigogliosa di natura e prosperità e le persone abitavano in completa armonia dentro la natura. Non mancava nulla ma noi non distruggevamo più la terra ma la rispettavamo.

Grazie di aver messo questo articolo :)

Annalisa ha detto...

Interessante... grazie a te di essere passata. Ciao Lily!

Anonimo ha detto...

Anch'io l'ho avuta come sogno ricorrente, tra la fine del 2001 ed il 2004.
Poi dopo lo tsunami non mi e' più accaduto, comunque per quello che mi e' capitato in quegli anni, connesso all'onda, concordo con chi la considera un'immane onda di energia e non un mero accadimento fisico.
Eleonora

stella ha detto...

l'onda l'ho sognata per ben tre volte in quest'ultimo anno con in due casi invasione aliena ma stanotte è stato diverso...niente onda ma solo invasione aliena con contatto!!!
O_o

YukiOshi ha detto...

Sogno la Grande Onda da quanto ho memoria.

Andrea ha detto...

diversi anni orsono, una decina forse... ho sognato l'onda... c'era una catena di uomini e donne in riva al mare e tutti ci tenevamo per mano. Eravamo tanti e non vedevo la fine della catena umana all'orizzonte. Un onda gigantesca si avvicina verso di noi e tutti siamo rivolto verso di essa... è davvero gigantesca... quando è più vicina non riesco a vederne la cima... tutti abbiamo il fiato spezzato,
l'onda è vicinissima e toglie il respiro... guardiamo tutti in alto e poi quando è a pochi metri chiudiamo gli occhi per esserne attraversati, sempre tenendoci per mano. Al primo contatto con l'acqua ebbi la certezza che si trattava di un passaggio, quasi una nascita... poi un attimo... il passaggio.. e mi sono svegliato...

Stiv GAVRILOVIC ha detto...

io ho sognato un'onda che mi travolgeva dopo aver visto il film the day after tomorrow....
Il sognare una grande onda che ci sommerge e ci provoca apnea, è lo stato di una persona stressata che non riesce a far fronte a tutti gli impegni quotidiani che sembra sommergerlo...;)

Danilo D'Agostino ha detto...

Non ho sognato l'onda, ma come saremo salvati: Alcuni anni fa ho fatto un sogno lucido veramente pazzesco
Inizio del sogno: già qui c'è da discutere. Il mio sogno lucido inizia dal letto dove in quel momento dormivo e la prima cosa che vedo, nel buio, è la finestra che ho di fronte. In pratica il sogno inizia come se io mi fossi svegliato dal sonno!
Ambientazione: Vivo a Pescara, appena fuori dalla città, verso l'interno. Esiste anche il Fiume Pescara che sorge sull'Appenino centrale attraversa diversi centri abitati e sfocia appunto nella città di Pescara
Appena mi sveglio (nel sonno) sento un sibilo, un ronzio, una frequenza sonora molto netta, tipo i "buzzer" delle sveglie, ma era più un suono psicologico che ambientale. Nel senso che non era soltanto l'udito a sentire questa frequenza, ma anche l'animo, la coscienza
Era notte fonda, rappresentando quindi anche l'ora in cui stavo sognando!
Incuriosito e allo stesso modo attratto da questo sibilo, esco fuori di casa per vedere di cosa si tratta e noto in cielo una formazione triangolare di UFO a loro volta di forma triangolare. Le dimensioni degli UFO erano piccole.
La mia coscienza mi diceva potevano ospitare 3 passeggeri. Non so se un pilota e due passeggeri. Uno davanti e due dietro. La mia coscienza mi diceva anche che su nei cieli a una distanza molto maggiore, c'era un enorme "vascello madre" da cui provenivano questi UFO taxi
Li chiamo fin d'ora UFO taxi, scoprirete in seguito il motivo. All'inizio questi UFO taxi ne erano pochi e il sibilo era ancora "sopportabile". Inoltre erano abbastanza sparsi. Ma più passava il tempo e più gli UFO taxi aumentavano di numero, arrivandone altri, a centinaia e poi a migliaia
Stavano seguendo in pratica il corso del Fiume Pescara e li vedevo arrivare in lontananza. E più si avvicinavano alla città e più si compattavano assumendo la formazione triangolare
La mia coscienza mi diceva che questi UFO taxi, prima di arrivare a Pescara, avevano sorvolato tutte le città abitate che avevano incontrato lungo il corso del fiume. E infatti è risaputo che le popolazioni hanno creato centri abitati maggiormente lungo corsi d'acqua. E' come se loro volessero sfruttare il corso del fiume per attraversare i centri abitati. Per quale motivo tutto ciò?
Indubbiamente questo sibilo che sentivo era prodotto da ogni UFO taxi. Infatti più aumentavano di numero più il sibilo diventava intenso. Ovvero pur mantenendo la stessa frequenza, il sibilo diventava man mano sempre più potente. Dato che, essendo un sogno lucido, le mie emozioni e sensazioni erano completamente sveglie. E ora viene il bello!
Prima quando gli UFO taxi erano ancora pochi, parlavo di sibilo "sopportabile". Quindi ora diventa "insopportabile". Ma non fu proprio così...
Se io provavo "PAURA" verso questa flottiglia, verso la situazione che stavo osservando, allora il sibilo era insopportabile a tal punto che mi creava un forte malessere e una forte repulsione a tutto ciò
Se io provavo "AMORE" verso ciò che osservavo, allora il sibilo non si limitava a diventare "sopportabile", ma mi attraeva verso di loro!
Nel momento in cui ho iniziato a decidere nel sogno di provare "AMORE" verso questa situazione, la mia coscienza mi diceva che dovevo andare con loro!
Il sogno termina prima che io vada fisicamente con loro, ma la mia coscienza ha immaginato che io fossi già sopra uno di quegli UFO taxi, insieme a un'altra persona al mio fianco, e davanti il pilota... Non ho mai visto un UFO in vita mia, ma spesso ho ripensato a questo sogno e credo che se un'intelligenza ET abbia intenzione di salvarci da una imminente catastrofe sulla terra, utilizzerà un metodo simile a questo ovvero:
1. Vascello madre gigante stazionato a grande distanza
2. Migliaia di UFO taxi che scendono sorvolando i maggiori centri abitati
3. Le persone vengono fatte salire su questi taxi a seconda del loro animo. Se riesce a provare amore sale, altrimenti resta a terra

Danilo D'Agostino ha detto...

Non ho sognato l'onda, ma come saremo salvati: Alcuni anni fa ho fatto un sogno lucido veramente pazzesco
Inizio del sogno: già qui c'è da discutere. Il mio sogno lucido inizia dal letto dove in quel momento dormivo e la prima cosa che vedo, nel buio, è la finestra che ho di fronte. In pratica il sogno inizia come se io mi fossi svegliato dal sonno!
Ambientazione: Vivo a Pescara, appena fuori dalla città, verso l'interno. Esiste anche il Fiume Pescara che sorge sull'Appenino centrale attraversa diversi centri abitati e sfocia appunto nella città di Pescara
Appena mi sveglio (nel sonno) sento un sibilo, un ronzio, una frequenza sonora molto netta, tipo i "buzzer" delle sveglie, ma era più un suono psicologico che ambientale. Nel senso che non era soltanto l'udito a sentire questa frequenza, ma anche l'animo, la coscienza
Era notte fonda, rappresentando quindi anche l'ora in cui stavo sognando!
Incuriosito e allo stesso modo attratto da questo sibilo, esco fuori di casa per vedere di cosa si tratta e noto in cielo una formazione triangolare di UFO a loro volta di forma triangolare. Le dimensioni degli UFO erano piccole.
La mia coscienza mi diceva potevano ospitare 3 passeggeri. Non so se un pilota e due passeggeri. Uno davanti e due dietro. La mia coscienza mi diceva anche che su nei cieli a una distanza molto maggiore, c'era un enorme "vascello madre" da cui provenivano questi UFO taxi
Li chiamo fin d'ora UFO taxi, scoprirete in seguito il motivo. All'inizio questi UFO taxi ne erano pochi e il sibilo era ancora "sopportabile". Inoltre erano abbastanza sparsi. Ma più passava il tempo e più gli UFO taxi aumentavano di numero, arrivandone altri, a centinaia e poi a migliaia
Stavano seguendo in pratica il corso del Fiume Pescara e li vedevo arrivare in lontananza. E più si avvicinavano alla città e più si compattavano assumendo la formazione triangolare
La mia coscienza mi diceva che questi UFO taxi, prima di arrivare a Pescara, avevano sorvolato tutte le città abitate che avevano incontrato lungo il corso del fiume. E infatti è risaputo che le popolazioni hanno creato centri abitati maggiormente lungo corsi d'acqua. E' come se loro volessero sfruttare il corso del fiume per attraversare i centri abitati. Per quale motivo tutto ciò?
Indubbiamente questo sibilo che sentivo era prodotto da ogni UFO taxi. Infatti più aumentavano di numero più il sibilo diventava intenso. Ovvero pur mantenendo la stessa frequenza, il sibilo diventava man mano sempre più potente. Dato che, essendo un sogno lucido, le mie emozioni e sensazioni erano completamente sveglie. E ora viene il bello!
Prima quando gli UFO taxi erano ancora pochi, parlavo di sibilo "sopportabile". Quindi ora diventa "insopportabile". Ma non fu proprio così...
Se io provavo "PAURA" verso questa flottiglia, verso la situazione che stavo osservando, allora il sibilo era insopportabile a tal punto che mi creava un forte malessere e una forte repulsione a tutto ciò
Se io provavo "AMORE" verso ciò che osservavo, allora il sibilo non si limitava a diventare "sopportabile", ma mi attraeva verso di loro!
Nel momento in cui ho iniziato a decidere nel sogno di provare "AMORE" verso questa situazione, la mia coscienza mi diceva che dovevo andare con loro!
Il sogno termina prima che io vada fisicamente con loro, ma la mia coscienza ha immaginato che io fossi già sopra uno di quegli UFO taxi, insieme a un'altra persona al mio fianco, e davanti il pilota... Non ho mai visto un UFO in vita mia, ma spesso ho ripensato a questo sogno e credo che se un'intelligenza ET abbia intenzione di salvarci da una imminente catastrofe sulla terra, utilizzerà un metodo simile a questo ovvero:
1. Vascello madre gigante stazionato a grande distanza
2. Migliaia di UFO taxi che scendono sorvolando i maggiori centri abitati
3. Le persone vengono fatte salire su questi taxi a seconda del loro animo. Se riesce a provare amore sale, altrimenti resta a terra

Anonimo ha detto...

Anch' io sogno la grande onda,da quando sono piccola. X me succede sotto un cielo plumbeo,color grigio tempesta. Sono a Barcola,litorale triestino e il mare su agita e l acqua sale. Io e i miei familiari ci salviamo,sapevo nel sogno cosa sarebbe accaduto. Solo una volta salivo con molte persone un monte altissimo,camminavamo sui tornanti che si avvitavano su di esso,l'acqua nn smetteva di salire

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...