15 novembre 2012

"LA GRANDE ONDA" INTERVISTA A PABLO AYO

Un’enorme massa d’acqua che incombe minacciosa.
Si avvicina rapidamente con un frastuono spaventoso, davanti agli occhi atterriti di chi, dalla propria casa, dalla cima di un monte o sulla spiaggia, capisce che l’impatto sarà devastante. E poi la corsa disperata, per avvisare i propri cari,  per cercare la salvezza, prima che non ci sia più scampo. Lo hanno provato, in prima persona, le vittime degli ultimi tsunami- Indonesia 2004 e Giappone 2011- ma anche, in forma onirica, molte altre migliaia di individui sparsi nel globo. Diversi per lingua, cultura, classe sociale ed interessi, eppure tutti hanno fatto e continuano a fare quello stesso identico sogno: la Grande Onda che arriva e distrugge in pochi istanti ogni essere vivente.
“L’ho fatto anch’io e con il tempo mi sono reso conto, con stupore, che gli step della visione sono sempre gli stessi”- mi racconta Pablo Ayo, ricercatore e scrittore, noto al pubblico per la sua partecipazione al programma di Italia 1 ‘Mistero’. “ Vedi un’onda che si avvicina”- spiega- “e senti la necessità di informare i parenti, gli amici che non si sono accorti del pericolo.

Tu invece sai- perchè te lo dice un’entità che ti sta accanto- che quello non è soltanto un sogno, ma la previsione di un evento che succederà. Quindi, anche quando ti svegli, sei cosciente che ti devi preparare, in un qualche modo, e devi cercare di essere pronto a questo evento che cambierà per sempre la nostra società.”

L'ULTIMO LIBRO DI PABLO AYO "LA GRANDE ONDA"Incontro Pablo Ayo a Milano, dove è venuto a presentare il suo ultimo libro , “La Grande Onda”, appunto. Per anni, ha raccolto materiale su questa visione che lo ha così tanto impressionato. E analizzando decine di casi ha scoperto queste sconcertanti analogie.

“È un sogno collettivo che viene fatto da parecchio tempo. Le prime testimonianze risalgono al 1800, ma è negli ultimi anni che il fenomeno si è intensificato: lo sognano migliaia, forse milioni di persone in tutto il mondo. E accade in modo sistematico e frequente. Per questo ho iniziato a pensare che dietro al sogno ci possa essere una sorta di monito o di avvertimento per l’umanità.”

Dunque ci sarebbero sognatori sparsi ovunque- gente che non si conosce, che non ha alcun rapporto- che assistono impotenti alla medesima scena agghiacciante. “Sì. Vedono un’onda gigantesca, alta svariate centinaia di metri, se non chilometri, che si infrange su una città o su altre zone, contemporaneamente in tutto il mondo”, conferma Pablo Ayo. Non solo. “Chi vede questa immagine onirica sa che la vita sul pianeta, dopo, non sarà più la stessa, come se la Grande Onda segnasse uno spartiacque tra passato e futuro.”

I sogni, lo sappiamo, possono essere facilmente condizionati dalle esperienze della nostra quotidianità. Quello che leggiamo, che vediamo in tv o al cinema a volte si ripresenta, di notte, in forma di incubo. Ma non sarebbe questo il caso, secondo  l’autore.

“ Il tipo di influenza che film o libri  possono avere sui sogni ha caratteristiche diverse“, afferma. “Qui siamo di fronte a visioni premonitrici. Ad esempio, prima del terrificante tsunami che ha colpito il Sud-est asiatico nel 2004, diverse centinaia di persone sognarono quello che sarebbe accaduto con due giorni di anticipo. Come una profezia.”

Nel libro, oltre a svariati racconti di quanti- ancora scossi- ricordano il dramma vissuto nel sogno, vengono esaminati tutti gli indizi che rendono un simile, catastrofico evento possibile.  Dall’inversione dei poli, allo scioglimento dei  ghiacciai, fino all’ impatto con un corpo celeste: ci sono vari scenari futuribili, contemplati dalla scienza, in grado di provocare un cataclisma su scala planetaria.

LE ERUZIONI SOLARI POSSONO ESSERE ESTREMAMENTE PERICOLOSE PER LA TERRA“Senza dimenticare che eruzioni solari eccezionalmente  intense potrebbero colpire la Terra con l’effetto di aumentare il surriscaldamento del pianeta. Non solo: violenti emissioni di plasma dal Sole potrebbero anche generare un’onda magnetica colossale. Chissà, nell’immaginario collettivo  l’onda di energia può essere stata interpretata come un’onda di acqua.”

Se la scienza non esclude l’eventualità che fenomeni tanto devastanti possano realmente avvenire, i Governi di certo non stanno a guardare. Anzi, da decine di anni ormai starebbero cercando una via d’uscita, una specie di “piano B“, nel caso in cui la Terra fosse minacciata da un pericolo globale. Lo fanno sotto ai nostri occhi, mistificando però o addirittura negando le loro iniziative.

Così, il Global Seed Vault, costruito nel permafrost della Norvegia, non  sarebbe semplicemente un costosissimo centro di stoccaggio e di conservazione di tutte le forme vegetali presenti sulla Terra, ma un vero e proprio bunker corazzato (a prova di apocalisse…) dove custodire a temperature sotto zero i semi di tutte le piante commestibili, da reimpiantare in caso di catastrofe che distrugga le coltivazioni.

E ancora, molti Stati avrebbero trasformato in gruviera il loro sottosuolo, scavando in profondità basi ipertecnologiche collegate le une con le altre da tunnel e navette, con centri di comando computerizzati, strutture militari ed appartamenti  dotati di ogni confort. Basi che, ufficialmente, non esistono. Ci sono solo rare foto e rare testimonianze a proposito, ma nessuna conferma.

“A mio avviso, molti Governi si stanno preparando al peggio. È un tema che affronto nel libro, con molti esempi. Dalla Norvegia e dalla sua Cripta Mondiale dei semi nelle isole Svalbard, fino ai bunker di Cina, Russia e Stati Uniti: non c’è più la Guerra Fredda, non ci sono più motivi strategici per costruirli, eppure per queste strutture vengono investite cifre iperboliche apparentemente senza un reale perché.”

 Il sospetto è che si tratti  di città segrete sotterranee, destinate ad accogliere, in un prossimo futuro, qualche centinaia di migliaia di fortunati che scamperanno alla Grande Onda. Insomma, novelle Arche per un nuovo Diluvio…  ( FINE PRIMA PARTE)


Sabrina Pieragostini

5 commenti:

Linda ha detto...

Ciao Annalisa, seguo da poco il tuo blog.E' bellissimo ed interessante, complimenti!
Questo nuovo post mi è piaciuto molto e ne sono rimasta colpita, perchè proprio due giorni fa ho fatto questo sogno (che comunque non è nuovo nell'arco della mia vita).
Quest'ultimo è stato abbastanza significativo.Nel mio paese (abito nella tua zona) c'è un grande spiazzo panoramico ed è un luogo dove sono ambientate molte sagre.Nel sogno,c'era molta gente a mangiare e io vedevo arrivare dal panorama un'enorme onda , alta almeno 60 metri e mi mettevo a gridare a tutti di scappare, ma nessuno mi ascoltava e continuavano il loro pranzo.Io cercavo mio figlio e mi mettevo in salvo con lui entrando in una porta che era lì accanto(!).
Mi chiedo se questi sogni, anche alla luce dell'articolo, siano davvero da considerarsi un messaggio di monito alla gente oppure vadano interpretati con un riferimento anche personale, in relazione alla propria vita o al momento che si sta attraversando.(In questo mio caso specifico,potrebbero essere vere entrambe le cose).
Se è vero che è ricorrente in moltissime persone,mi chiedo anche quanto in realtà siamo influenzati nel nostro inconscio collettivo e dall'avvenimento che distrusse Atlantide che, in quanto noi, esseri infiniti, abbiamo vissuto.
Tu che cosa ne pensi?
Aspetto con ansia di leggere la seconda parte e chissà se mai mi verrà la curiosità di leggere il libro di Ayo. Grazie per la segnalazione.
Buona serata
Linda

simone708 ha detto...

.......... a Padova, in una stretta via (so anche quale) nei pressi della Basilica di S. Antonio, da vari anni stanno restaurando un antico (e bellissimo) edificio della diocesi, rimasto precedentemente disabitato per anni. Ma, dato che abitavo proprio lì vicino, ho potuto osservare cose strane.... Anzitutto la zona è transennata e il portico in quel punto è chiuso ai passanti, ma fin qui niente di particolare. Sono però riuscito a vedere -quelle poche volte che il portone principale era aperto per fare entrare grossi camion betoniere- che all'interno vi è una piccola corte, un tempo forse con piante e vegetazione, al cui centro vi è un immane silos/betoniera che scarica tonnellate di cemento sotto terra. La cosa inquietante è che ancora adesso, e quasi tutti i giorni, da almeno 3 o 4 anni, il traffico viene fermato a intervalli, perché adesso non vi è più solo una betoniera enorme all'interno, ma addirittura altri due enormi camion betoniere sulla strada che attraverso grossi tubi scaricano altre tonnellate di cemento per ore e ore. Tutto questo va avanti -dicevo- da tre o quattro anni. Facciamo un po' di conti? Meglio di no ..... Io sono propenso a credere che lì -alla faccia del restauro- si stia costruendo un enorme bunker sotterraneo che si collega ai sotterranei della Basilica di S. Antonio. Non riesco a vedere altre spiegazioni .... Questo -forse- per consentire ai religiosi della Basilica (francescani del VATICANO) di trovare rifugio in caso di un evento catastrofico.
Personalmente non ho il coraggio di andare a indagare. Ho paura anche solo di avvicinarmi.
Non si sa mai .....
Volete provarci voi? :-)

Annalisa ha detto...

Ciao Linda, io associo l'Onda al termine Trasformazione sia che sia d'acqua o di frequenza o energia (provenienti dal Sole o dal Centro Galattico).

Simone, ma infatti, che c'entra il cemento in grandi quantità scaricato sottoterra con il restauro? è strano parecchio e pure sospetto... l'ipotesi del bunker o di una struttura sotterranea calza...
Ehm.. no grazie seppur la curiosità è tanta meglio non avere a che fare con il Vaticano °_°


Annalisa ha detto...

L'articolo di Pablo Ayo sul sogno dell'Onda:
http://noiegliextraterrestri.blogspot.it/2012/08/il-sogno-della-grande-onda.html

Lily ha detto...

Ciao Annalisa,
ho letto l'articolo pubblicato qui ad agosto ed ho visto il servizio mandato in onda da Studio Aperto.
Quello che mi ha colpito è stato che se ne parlasse in un TG e che sempre Studio aperto alcuni giorni fa parlo di Nibiru e company .:D
Va da se che il servizio di Pablo Ayo è stato messo in onda per pubblicità.. perché ormai su Italia Uno con Mistero Lui è l'unico riferimento per parlare di Ufo etc etc..

Rileggerò anche questo nuovo articolo ma mi sorge la domanda.. perché ? Perché solo studio aperto(un tg non proprio rinomato per la sua serietà anzi..) apre questi argomenti e altri no? Non voglio andare fuori tema dal Post ma non posso fare a meno di riflettere su questo.

PS: Dopo aver visto l'intervista in TV la grande onda è tornata ... stavolta ero in un isola abitata tipo Hawai... L'onda sorprendeva tutti. Io la vedevo e non ho fatto altro che riconoscerla ma non scappavo.

L'onda sarà quantica a parere mio - Pablo parla di mezze verità e mezze supposizioni ovviamente (e' il primo che ne parla apertamente in italia ed ho la sensazione che sia diventato uno strumento- di chi lo vedremo! ) :)... ma non posso negare che eventi reali non possano accadere.

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...