7 aprile 2014

GLI STRANI FUOCHI DI CISTERNINO, IL VICESINDACO: COME A CANNETO DI CARONIA

Roghi misteriosi ripresi da Tg Norba
Alcuni fenomeni di autocombustione si stanno verificando in Puglia dal 15 Marzo scorso, senza che siano note le cause. Lo riporta il Corriere del Mezzogiorno, che racconta l'odissea di una famiglia di Cisternino, in provincia di Brindisi, costretta a "lasciare la propria abitazione, una villetta, di costruzione recente, in contrada Casalini nelle campagne della Valle d’Itria" Secondo gli amministratori locali il fenomeno sarebbe simile a quello a quello verificatosi a Canneto di Caronia, in provincia di Messina, nel 2004 quando tra le spiegazioni vennero scomodati addirittura gli alieni.
"Le analogie si riferiscono alle modalità con le quali si verificano i fatti; agli orari, sempre di pomeriggio dalle 16 alle 19; la periodicità, cioè ogni 48 ore. Come accadeva in Sicilia, molte volte non c'è fiamma ma si avverte puzza di plastica bruciata, e questo sta avvenendo anche in abitazioni limitrofe” dichiare il vicesindaco della cittadina pugliese, l’avvocato Vito Zizzi. A prendere fuoco da due settimane vari punti della casa e molti oggetti: un busta di plastica contenente tappi di sughero, un contenitore di rifiuti, due tappeti, un fustino del detersivo, un sacchetto di cotone, quattro cartoni contenenti bottiglie di vetro. 

Scrive il Corriere del Mezzogiorno:

Sei in tutto gli episodi. Ovviamente scioccata la famiglia di Biagio Bufano, 45 anni, che ha dovuto trovare riparo in un’abitazione messa a disposizione da alcuni parenti. Da 15 giorni, aiutato da amici e parenti, organizza delle ronde e un monitoraggio continuo per individuare la causa. Perfino il figlio minorenne si è trovato ad assistere ai roghi improvvisi. Intanto ha presentato un esposto alla Procura e ai carabinieri. Sono stati interessati anche la Prefettura, la Asl, l’Arpa, la Protezione civile regionale, l’amministrazione comunale, i vigili del fuoco che in un caso sono anche dovuti intervenire sul posto.

Dopo qualche giorno di tregua, sabato pomeriggio si è verificato l’ultimo episodio quando ormai la famiglia aveva lasciato l’abitazione. Tutti i mobili sono stati evacuati e perfino le porte interne sono state scardinate, per metterle al riparo da incendi più vasti che potrebbero danneggiarli. All’interno sono state lasciate solo alcune 'esche', punti in cui è stato sistemato materiale, soprattutto plastica, in modo da verificare se le autocombustioni misteriose continuano.

Roghi misteriosi ripresi da Tg Norba


Le analogie con il caso siciliano

Secondo i quotidiani locali e le testimonianze in loco le analogie con Caronia sono molteplici, sia nella modalità con le quali si verificano i fatti; siano negli orari -sempre di pomeriggio dalle 16 alle 19- sia nella periodicità -ogni 48 ore-.

"Come accadeva in Sicilia, molte volte non c'è fiamma ma si avverte puzza di plastica bruciata, e questo sta avvenendo anche in abitazioni limitrofe”. Una circostanza probabilmente “ricollegabile ai fili della corrente elettrica nei muri."

La preoccupazioni degli amministratori non è tanto l'enigma e i suoi tratti "paranormali" quanto che il fenomeno si possa estendere ad altre abitazioni e rimanga senza risposta mettendo in pericolo altri nuclei familiari. Si sta passando al settaccio l'impianto elettrico, possibili influenze elettromagnetiche, senza escludere nessuna pista, ma per ora nessuna soluzione si vede all'orizzonte.

Intanto a casa dello sfortunato Biagio Bufano, il padrone dell'abitazione dove si stanno verificando i roghi, sono arrivati il Prefetto, il sindaco, ed è stata chiamata una task force di esperti dell'Arpa (Agenzia regionale protezione ambientale),  e di alcuni volontari della protezione civile, in modo da garantire il monitoraggio continuo della casa colpita dai ripetuti casi di autocombustione. L'uomo tuttavia è stremato dalle ronde notturne che insieme al fratello, al papà e ad una ristretta cerchia di amici fidati, sta portando avanti da oltre una settimana. Nei giorni scorsi sembrava che il fuoco misterioso avesse concesso una tregua alla famiglia di Casalini, ma un nuovo incendio ha riportato "paura e sconforto in tutta la comunità, che ora si chiede impaurita: quando accadrà la prossima volta?"





Ti è piaciuto l'articolo? condividi anche tu!

Seguici su Facebook Noi e gli extraterrestri

2 commenti:

Zret ha detto...

Scommetto che, se l'abitazione fosse schermata contro le microonde, gli incendi non divamperebbero più.

Ciao

Noi e gli Extraterrestri ha detto...

Sì, Tutto è possibile... Ciao Zret

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...