11 agosto 2014

CANNAE-DRIVE COME STAR TREK: IL MOTORE SENZA CARBURANTE CHE VA ALL'INFINITO

Si chiama Cannae Drive ed è un dispositivo in grado di produrre energia dal nulla e illimitatamente, senza carburante; l'idea è di uno scienziato di origine italiana Guido Fetta un laureato in Ingegneria chimica che vive in Pennsylvania. La NASA ovviamente è molto ma molto interessata al progetto.
CANNAE DRIVE

Il 30 luglio scorso, a una conferenza della NASA a Cleveland, nell'Ohio, sono stati rivelati i risultati "anomali" di un test: per sei giorni cinque ricercatori avevano provato a realizzare uno strano apparato, un cono a microonde, e ne era venuta fuori un'energia inspiegabile. Il titolo dell'annuncio della Nasa è in verità abbastanza cauto: Produzione di spinta anomala da un dispositivo a radiofrequenza. Le reazioni invece sono state quanto meno eccitate. 

Al limite della fantascienza: "Inventato il motore impossibile!", "Il motore che sfida le leggi della fisica funziona!", "Abbiamo davanti un futuro di viaggi spaziali gratuiti". 

Il motore è in grado di convertire l’energia elettrica in una spinta e per Giancarlo Genta, professore del dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale al Politecnico di Torino e studioso di propulsione spaziale, si tratta di una grande scoperta:
“E’ un progetto che, se davvero si realizzasse, sarebbe una delle più grandi scoperte di sempre. D’altra parte c’è ancora scetticismo attorno a questa idea, perché, almeno in apparenza, questo propulsore vìola le leggi di conservazione dell’energia e della quantità di moto”.



Il rivoluzionario congegno è in grado di produrre energia facendo rimbalzare microonde in un contenitore chiuso: il nuovo metodo sfrutta un sistema elettrico con cui generare una serie di microonde: queste, vengono sparate all’interno di un contenitore, dove si creano forti differenze di pressione e fasci di radiazione molto potenti in grado, così, di creare la spinta per muovere il veicolo spaziale”.

Guido Fetta è un personaggio misterioso. In Rete non si rintraccia una sua biografia, se non una laurea in Ingegneria chimica. Ma sul sito di Cannae Drive ci sono i video in cui spiega come ha realizzato il dispositivo in grado di produrre energia senza carburante. Per usare le sue parole, "si tratta di una sorta di cono cavo progettato in modo da intrappolare gli elettroni sul bordo, cosicché quando le onde elettromagnetiche rimbalzano nella cavità ci sono più elettroni che spingono sul bordo di quelli che spingono sul fondo e questa differenza crea energia". Il Cannae Drive, chiamato così da Fetta in onore della battaglia di Canne, in cui Annibale con un piccolo esercito sconfisse quello romano.

A cura di Noiegliextraterrestri



Condividi basta un click!


Nessun commento:

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...