8 ottobre 2014

LIGHT QUEST - INTELLIGENZE DI LUCE

Il nuovo saggio di Andrew Collins, “LightQuest” presenta un nuovo modo di interpretare il fenomeno UFO, che potrebbe essere il prodotto di forme di luce intelligenti che coesistono con l’umanità da tempo immemorabile. Nel libro, l’autore spiega cosa potrebbero essere, come sia possibile vederli, dove e come interagire con loro.
Se riuscissimo a vedere gli UFO come forme complesse di energia senzienti e di plasma, allora potremmo entrare in un regno completamente nuovo di possibilità, che potrebbe anche cominciare a dare un senso a molti incontri ravvicinati ed episodi di missing time.

Basandosi sul lavoro di pionieri in questo campo come Paul Devereux, Michael Persinger e Jenny Randles, “LightQuest” esamina la possibile interrelazione tra le forme di luce che si manifestano, gli spostamenti nello spazio e la presenza di una realtà dimensionale superiore. È possibile che durante gli incontri con gli UFO ci si avvicini a quello che potrebbe essere descritto come isolati universi a bolla, dove l’interazione tra coscienza umana e ambienti a base di plasma crei mondi virtuali di noi stessi, sulla base della nostra attuale concezione di ciò che ci aspettiamo di vivere in circostanze traumatiche e ultraterrene?

Jeffery Pritchett: Qual è stata l’ispirazione che ti ha portato a scrivere “LightQuest” e quale obiettivo ti sei prefisso?

Andrew Collins: «L’ispirazione me l’hanno data 35 anni di indagini sugli UFO e dal fatto che non ho trovato alcuna prova che mi abbia convinto che l’incredibile fenomeno visto e vissuto da tante persone abbia a che fare con alieni a bordo di space hardware provenienti da mondi lontani. La prova semplicemente non è lì. Molto spesso i casi più sconcertanti incontro ravvicinati coinvolgono sfere di luci, o gruppi di luci che poi si trasformano per dare alla struttura una forma complessiva o un aspetto. La mia ultima speranza per la teoria ET era di andare a Roswell nel 2009 e investigare la storia del crash. Mi ci sono voluti solo 30 minuti per trovare la prova definitiva che quello che si è schiantato sul ranch Foster vicino Corona, New Mexico, nel 1947 fosse un dispositivo ad alta quota, probabilmente lanciato dal White Sands Proving Ground. La gente ha bisogno di aprirsi a idee alternative sul fenomeno UFO, e non presumere che tutto ciò che c’è di sconosciuto viene visto in cielo provenga da qualche pianeta lontano. Non è così che funziona».

J.P.: Ho avuto esperienze con le luci e il plasma di cui parli nel libro. Gli amici mi dissero che le stavo attirando. Puoi spiegarci la tua visione di queste intelligenze?

A.C.: «Il Plasma, che sono semplicemente fotoni luminosi emessi dai mari di elettroni sovraeccitati tenuti insieme da campi magnetici, è un ambiente ideale in cui la vita può prosperare. Il fisico quantistico americano David Bohm fu forse il primo a rendersi conto che i mari di elettroni che compongono gli ambienti di plasma atto in un modo che potrebbe essere descritto come simile a una cella nel comportamento, in altre parole imitato le azioni della vita cellulare. Bohm ha postulato che una qualche forma di intelligenza proto esistente in circostanze normali ad un livello più profondo della realtà potrebbe essere in grado di compenetrare ambienti di plasma per la durata della loro esistenza. Queste idee sono stati esaminate più approfonditamente negli ultimi anni da fisici del plasma come Vadim N. Tsytovich del General Physics Institute dell’Accademia delle Scienze Russa, a Mosca, lavorando al fianco di colleghi del Max Planck Institute for Extaraterrestrial Physics di Garching, Germania e la University of Sidney, Australia. Tsytovich è convinto che cellule simili a forme di vita esistenti in ambienti di plasma potrebbero avere contribuito alla nascita della vita su questo pianeta, o che possano esistere ben distinte dalla vita biologica. Infatti, ipotizza che vita al plasma possa esistere nello spazio, e che iniziative come il SETI potrebbe dare migliori risultati se cercassero segni d’intelligenza negli ambienti di plasma che compongono il più 95% dell’universo come lo conosciamo. Intelligenze di questo tipo, se esistessero, potrebbero abitare sfere di luce e UFO del tipo così spesso registrato sia in passato che dopo l’avvento dell’era disco volante? Molti ricercatori UFO sono giunti a questa conclusione negli anni. Paul Devereux ha esaminato queste idee, come anche lo psicologo Gregory Little. Ma il più grande pioniere in questo campo di studio è di gran lunga lo scrittore Trevor James Constable. Sin dagli anni ’50 in libri come “They Live in the Sky” e “The Cosmic Pulse of Life” Constable ha ipotizzato che gli UFO siano animali simili ad amebe o critters che abitano l’atmosfera superiore. A suo parere, queste plasmatiche creature del cielo esisotno in una forma invisibile, ma molto raramente mutano di frequenza per diventare visibili come dischi scintillanti, le luci nel cielo e sfere luminose di energia. Ha anche scritto che tali forme di energia sono responsabili dei segni circolari identificati nel passato come tracce di dischi, e oggi comunemente conosciuti come crop circles».


J.P.: A proposito di rapimenti alieni, hai una nuova idea a riguardo. Ce ne puoi parlare?

A.C.: «LightQuest prende in considerazione la proposta interrelazione tra la manifestazione di forme di luce e sia il cambiamento nello spazio-tempo che la presenza di una realtà dimensionale superiore che si dispiega durante esperienza così profonde. È possibile che durante incontri ravvicinati UFO si entri in quello che potrebbe essere descritto come isolati universi bolla, dove l’interazione tra coscienza umana e ambienti a base di plasma si uniscono per creare mondi virtuali creati da noi stessi, sulla base della nostra attuale concezione di ciò che ci aspettiamo di vivere in tali circostanze traumatiche e ultraterrene? Se la risposta è sì, allora l’unica spiegazione buona avrebbe dovuto comportare una progressiva comprensione dell’entanglement quantistico, vale a dire comunicazione non-locale, in cui interi sistemi di particelle gemellate sono in grado di trasferire informazioni avanti e indietro in un istante. In tali condizioni potrebbe crearsi una realtà mutata che si presenta come l’interno di un’astronave, il regno delle fate o addirittura il paradiso celeste ed essere davvero molto reale. Potresti entrarci e sarebbe reale nel modo in cui un sogno è reale mentre lo sperimenti. Eppure l’interazione, che di solito porta a distorsioni temporali e missing time, è in realtà una proiezione mentale temporanea all’interno di una realtà dimensionale superiore al di fuori del normale spazio-tempo e collegata a forme di luce altamente energetiche. So che sono idee pazzesche, ma la cosa importante è che possono essere sostenute dalla scienza attuale, che è felice di parlare di dimensioni superiori, stranezze quantistiche e della connessione tra luci al plasma e i loro fratelli più grandi nel paesaggio».

J.P.: Il libro è anche una guida delle hotspots (punti caldi, ndt) negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e su che cosa si può fare. Che cosa possiamo fare esattamente in questi punti?

A.C.: «Vivendo e lavorando nello Wiltshire, dove crop circles e luci misteriose appaiono regolarmente, sono giunto a capire la mentalità di chi ritiene che il collegamento tra noi e gli strani fenomeni aerei osservati possa essere attivato dall’affinità mentale. È possibile comunicare con le intelligenze di luce che abitano sfere al plasma e più grandi costrutti di luce. La cosa di gran lunga migliore è uscire a fare sky watching in qualche luogo noto come UFO hotspot, cioè da qualche parte in cui le luci misteriose siano frequenti, e probabilmente lo sono da forse centinaia di anni. Andate là fuori preferibilmente quando si pensa che sia più probabile avvengano degli avvistamenti, e apritevi mentalmente a percepire intelligenze di luce. Cercate di non conferire loro troppa identità, perché sostanzialmente sono semplici manifestazioni di coscienza come forme energetiche; non hanno una vera e propria manifestazione corporea. Usate la visualizzazione creativa e comandi mentali per chiedere loro di apparire, o almeno di darvi dei segnali della loro presenza. E ricordate, non c’è nulla di nerdy o geeky (…..) nello sky watching. Quello che state facendo in quelle circostanze è aprirsi letteralmente a un collegamento tra la vostra mente, o la mente collettiva del gruppo, e un’intelligenza originaria, che probabilmente ha coesistito con l’umanità per centinaia se non migliaia di anni».

J.P.: In che modo ha contribuito al libro Gregory L. Little?

A.C.: «Greg è stato un grande sostenitore del mio lavoro per un certo numero di anni, e abbiamo lavorato insieme su vari progetti tra cui i dvd di “Il mistero del Cigno” e “The Lost Caves of Giza”. È giunto alla conclusione molto tempo fa che l’ipotesi ET per gli UFO non abbia senso asserendo che gli UFO siano il prodotto di un’energia basata sul plasma che permette la manifestazione di intelligenze superiori nel nostro mondo. Ne ha scritto in libri come “The Archetype Experience” e “People of the Web”. È stato ben felice di contribuire al libro con un’introduzione in cui delinea studi fatti sulle ondate UFO negli hotspots USA. Questi studi hanno concluso che il plasma sia una componente chiave per la comprensione dei fenomeni, e che queste luci sembrino di natura senziente, dunque intelligente. Questa, naturalmente, è anche la conclusione raggiunta da Paul Devereux, il direttore della rivista con peer review Time and Mind durante la sua ricerca in quello che lui chiamava “earth light consciousness” (la coscienza della terra luce). LightQuest è dedicato sia a Paul, per il suo lavoro pionieristico in questo campo, che al compianto John Keel, autore di “The Mothman Prophecies”, il cui concetto di strane creature del tempo e dello spazio influenzò fortemente la ricerca sia la mia ricerca che quella di Greg negli anni ’70».

J.P.: Se gli UFO non sono extraterrestri, allora cosa sono esattamente e qual è il loro scopo?

A.C.: «Dal momento che gli avvistamenti UFO e gli incontri ravvicinati sono molto spesso esperienze personali, non possiamo dire con certezza cosa siano. Tuttavia, costrutti di luce fatti di plasma e tenuti insieme da campi magnetici si adattano al quadro, e non credo che siano siano eterei. Alcuni plasma sono densi e vengono visualizzati sul radar, mentre tutti i plasmi sono circondati da campi elettrostatici ed emanano energia elettromagnetica del tipo che può facilmente spiegare quasi tutti gli strani effetti rilevati dai testimoni sia su se stessi che sui loro veicoli. Queste cose possono essere senzienti come noi, emanano un senso di coscienza e di intelligenza. Eppure, queste intelligenze abitano solo i costrutti di plasma per tutto il tempo della loro esistenza. Oltre quello, scompaiono di nuovo nei regni esistenti dell’esistenza, come David Bohm proposto, al di là del tessuto di una realtà fisica».

J.P.: Puoi parlarci della “visualizzazione creativa” da usare dai light questers di tutto il mondo per comunicare con le intelligenze luce, nella speranza di indurli a manifestarsi?

A.C.: «Una completa visualizzazione creativa è spiegata in LightQuest, che può essere utilizzata da tutti nel tentativo di chiamare o interagire con le intelligenze luce. Si tratta di diventar voi stessi un semplice faro di energia, proiettando il desiderio di voler prendere contatto con il fenomeno. Poi si attende, e si sta a vedere cosa accade. Come dimostrano fin troppo bene nel libro, facendo proprio questo possono ottenere risultati abbastanza incredibili».

J.P.: Quindi credi ancora che vi sia un regno fatato di qualche tipo e come si è evoluto da questa prospettiva a quella nuova?

C.A.: «In tutto il mondo, hotspot UFO, o zone finestra, sembrano produrre una pletora di casi di avvistamenti misteriosi di luci in un periodo di tempo prolungato. Sembra esistere un profondo tra ciò che si vede e il luogo dove è stato avvistato, probabilmente in base alla geologia, topografia e altri fattori ambientali. Questo suggerirebbe che molti UFO siano manifestazioni associate alla terra stessa, o almeno alla posizione in cui appaiono. Tali avvistamenti si sono verificati per centinaia se non migliaia di anni, e anche se oggi li consideriamo astronavi extraterrestri, in passato erano visti come luci delle fate, o occhi infuocati dei demoni o diavoli».


J.P.: Vi sono particolari specie di esseri coinvolti nelle esperienze di contatto e di abduction come i grigi, i rettiliani, ecc. Sono solo l’energia di cui parli, che assume forme diverse o esseri reali di altrove che ci fanno visita? Ho avuto esperienze con esseri di luce e ho semplicemente pensato a loro come se se fossero come noi ma senza la nostra pelle, per dire, nel regno dell’al di là.

A.C.: «Probabilmente hai ragione. Quello che LightQuest tenta di fare è dimostrare che, accettando che episodi di missing time, i cosiddetti rapimenti e i contatti che ne derivano siano essenzialmente di nostra creazione. Se è così, allora possiamo, in teoria, cambiare ciò che accade in queste circostanze traumatiche. La comunione con esseri di luce all’interno delle sfere al plasma e dei costrutti di luce può essere diversa, e hanno bisogno di esserlo, perché ci sono tutte le ragioni per credere che queste intelligenze di luce possano davvero volere interagire con noi e comunicare con l’umanità, per dei motivi che oggi possiamo solo immaginare. Paul Devereux, a cui il libro è dedicato, ha dichiarato: “Se le luci terrestri sono in realtà manifestazioni geofisiche di coscienza, allora rappresentano una forma più antica di coscienza di quella biologica. In effetti, sono luci ancestrali. Forse è giunto il momento di conoscere meglio i nostri antenati”. C’è una scienza per vedere e interagire con misteriose forme di luce e intelligenze UFO e la chiave più evidente è il ruolo che il plasma e realtà dimensionali superiori giocano nel nostro mondo, e non se l’umanità come una razza sia sottoposta a qualche oscura agenda aliena».

J.P.: A quale progetto stai lavorando?

A.C.: «Sto scrivendo un libro intitolato “Finding Eden”, che si occupa approfonditamente di uno dei più sorprendenti enigmi archeologici del passato – Gobekli Tepe, il complesso di templi di pietra di 12.000 anni fa nella Turchia orientale. È stato costruito da cacciatori-raccoglitori poco dopo la fine dell’ultima era glaciale, e rappresenta la prima architettura megalitica del mondo. È più antico delle piramidi di 7.000 anni e 6.500 anni più antico di Stonehenge, a cui assomiglia maggiormente. Mostro come la sua esistenza fosse basata su una conoscenza assoluta del cosmo e dei cicli temporali, e come la sua presenza ha fatto eco attraverso i millenni, influenzando l’idea biblica del cosiddetto Giardino dell’Eden, dove i nostri progenitori caddero in disgrazia e i Vigilanti angelici del Libro di Enoch si dice abbiano dato ai mortali i rudimenti della civiltà. Il saggio uscirà l’anno prossimo».

di Jeffery Pritchett



Su XTimes di questo mese, ottobre 2014, troverete in allegato un testo assolutamente affascinante e molto importante, LIGHTQUEST, del noto ricercatore Andrew Collins. Il libro è uscito in inglese due anni fa circa, e per l’occasione pubblicammo su XTimes un’intervista all’autore, con la promessa di rendere disponibile il libro in italiano appena possibile. Ora finalmente siamo stati in grado di mantenere quella promessa, e per incuriosirvi un po’, in attesa di trovare la rivista nella vostra edicola, eccovi l’articolo pubblicato su XTimes n.47 (settembre 2012)…


fonte/
Condividi basta un click!

Nessun commento:

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...