16 settembre 2014

2 MAGGIO 1974 - TRE UFO SCORTANO UN AEREO MESSICANO

Il 2 maggio 1974, Carlos Antonio de los Santos Montiel, 23 anni, lasciò Città del Messico sul suo Piper Aztec 24, registrato come XB-XAU, per Zihuatenajo, stato di Guerrero. Arrivò nel pomeriggio e anche se aveva inizialmente previsto di tornare in quel giorno, decise di rimanere e tornare il 3. Cenò alle 08:00 e si ritirò.
RICOSTRUZIONE DEL FATTO

La mattina del 3 , il cielo era nuvoloso con notevole smog, nebbia e la visibilità molto scarsa. Carlos decollò, comunque, alle ore 10.30, senza aver fatto colazione. Portò il suo piccolo aereo a 13.500 piedi, ma le condizioni meteo erano ancora pessime e così salì a 14.500 dove trovò un cielo azzurro e continuò il suo viaggio di ritorno a Città del Messico.

Arrivando nella zona di Tequesquitengo, Carlos decise di perdere quota in modo da avere un contatto visivo con il Lago Tequesquitengo e verificare la sua posizione, invece di dipendere da suoi strumenti. Quando scese sotto la coltre di nubi, la foschia e la nebbia al suolo bloccavano la sua visione del lago. Poi le cose cominciarono ad accadere.

Quando guardò da sinistra (stava guardando attraverso il finestrino a sinistra) a fronte , si accorse di qualcosa alla sua destra e guardò in quella direzione e fu scioccato nel vedere un oggetto con l'apparenza di due piastre unite insieme al centro con una cupola che aveva quello che sembrava essere una piccola finestra e un'antenna in cima. Si è posizionato a 20 centimetri sopra la superficie dell'ala e circa 1 1/2 metri dalla cabina del Piper. Uno sguardo indietro a sinistra rivelò un altro oggetto uguale nella stessa posizione al di sopra della fascia sinistra.

"Ero pietrificato," Carlos disse ai funzionari più tardi, "dopo aver visto un terzo oggetto che sembrava sul punto di scontrarsi frontalmente con il parabrezza. Ma andò sotto l'aereo e sentiì uno strano rumore dal basso come se fosse entrato in collisione con la parte inferiore dell'aereo. "

Carlos notò poi che la sua velocità era diminuita da 140 miglia nautiche per ora a 120 ( da 225 Km/h a 193 Km/h). Cercò di virare a sinistra, nel tentativo di "scrollare" l'oggetto dal suo aereo, ma i controlli erano bloccati e non rispondevano. Cercò di abbassare il carrello di atterraggio, nella speranza di eliminare l'oggetto sotto di lui, ma senza risultati.

IGNACIO LA MORA - ZO DI CARLOS -, IL PILOTA TESTIMONECARLOS MONTIEL
E L'INVESTIGATORE APRO FERNANDO PAREJA
L'investigatore APRO (Aerial Phenomena Research Organization) del campo, Fernando J. Tellez Pareja, ascoltò il nastro registrato della conversazione tra Santos e la torre di controllo dell'aeroporto internazionale di Città del Messico , che Carlos aveva avviato dopo aver scoperto i suoi controlli erano congelati:

Carlos: Centro Messico , extra bravo extra alfa union. Mayday! Mayday! (Nota a cura di: "Mayday" è un segnale di soccorso internazionale.)

Città del Messico: Avanti, extra bravo extra alfa union. (Qui il pilota ripete il suo appello per due volte - a quanto pare lui non aveva sentito risposta a Città del Messico.) Centro Mexico qui, da extra alfa unione.

Carlos: Extra alfa union a centro del Messico. Il mio aereo è fuori controllo - non ho alcun controllo su di esso - Ho tre oggetti volanti non identificati attorno a me. Ho tre oggetti volanti non identificati attorno a me, uno è passato sotto il mio aereo e lo ha colpito. Il carrello è bloccato e i controlli non rispondono. La mia posizione - sono sulla radiale 004 dal VOR Tequesquitengo - non sto controllando l'aereo - Centro Messico, mi sentite?

Centro Messico: Prendere nota extra alfa union, dammi la tua posizione e la tua situazione. Stiamo contattando le autorità competenti e (qui interrotta da Carlos di nuovo)

Carlos: L'aereo è fuori controllo.

A questo punto, Mexico City International Airport chiuse le piste al traffico e si prepararono per l'atterraggio di emergenza previsto. Gli oggetti continuarono a mantenere la posizione sul XB-XAU, esercitando il controllo completo del velivolo.

La chiamata del "Mayday" o di emergenza venne ricevuta alle ore 12.15 di Sabato, 3 maggio. La torre di controllo contattò Ignacio Silva la Mora (zio di Carlo), un'autorità a bordo degli aerei, che fu messo in contatto con Carlos via radio per analizzare il problema e aiutarlo con i preparativi di atterraggio.

Quando Carlos raggiunse il punto di navigazione Ajusco , gli UFO avevano elevato l'aereo da 15.000 piedi (l'altitudine mentre si trovava sopra Tequesquitengo) a 15.800 e poi, uno ad uno, se ne andarono. Per primo l'oggetto sopra la sua ala sinistra si lzò fino a che non fu sopra la cabina, poi sopra l'oggetto sulla fascia destra, e quindi questi due volarono via e si persero in direzione dei vulcani Popocatepetl e Iztaccihuatal. I controlli del velivolo trnarono immediatamente normali e Carlos riprese il controllo.

Carlos poi tentò di abbassare il carrello di atterraggio, girando sul Mexico City International Airport otto volte, in contatto radio per accertare se era successo. Infine, dopo 40 minuti di cerchio mentre lavorava sulla torretta di comando con un cacciavite, riusciì ad abbassare le ruote ed è atterrò alle ore 01:34 sul prato tra la pista 5 a destra e 5 a sinistra per i veicoli di emergenza, tra cui vigili del fuoco e ambulanza, stavano aspettando.

Dopo l'atterraggio, Carlos venne portato alla clinica aeroporto fu accuratamente esaminato e venne trovato normale e in forma. Alcuni individui avevano lasciato intendere che avrebbe potuto essere sotto l'influenza di droghe o alcool, ma la visita medica di cui che la speculazione a riposare.

Due giorni dopo l'incidente, il capitano Augusto Ramirez Altamirano (capo degli ispettori della regione per la Direzione dell'Aeronautica Civile) disse che Carlos avrebbe dovuto sottoporsi a una serie di test per determinare se avesse davvero visto gli UFO o se fossero stati un'illusione dovuta al volo ad alta quota in assenza di ossigeno.

Il 7 maggio, il dottor Luis Amezcua, Capo del Dipartimento di medicina aeronautica del Mexico City International Airport, concluse una serie di test medici (neurologiche, fisiche e psichiatriche, ecc) e diede il suo parere che Carlos aveva sofferto di mancanza di zucchero nel sangue perché non aveva mangiato dalle 8 di sera la notte prima fino a dopo l'incidente il giorno dopo e ne ha dedotto che Carlos aveva avuto un'allucinazione .

L'investigatore Telles intervistò il testimone ed il responso fu che: Carlos de los Santos di anni 23, è stato pilota per due anni, ha 370 ore di volo al suo attivo, aveva la licenza di pilota privato e commerciale. Era 'impiegato da Pelletier S.A, una società specializzata in analisi e lo studio dell'acqua. Suo padre era capo meccanico della Mexicana de Aviacion Airlines. Carlos non fumava né beveva , non era interessato a fantascienza e non ha mai letto un libro sugli UFO.
GIULIO DIAZA, CONTROLLORE, E IL PILOTA CARLOS MONTIEL

Per quanto riguarda la conferma del radar , il signor Julio Cesar Interian Diaz, controllore al Mexico City International Airport , disse che la distanza da Tequesquitengo a Città del Messico era di 48 miglia nautiche e che il blip dell'aereo di Carlos era stato segnalato sul radar quando si trovava a 43 miglia su Città del Messico. L'aereo di Carlos era l'unico in quel settore in quel momento. Il radar registrò la separazione di un altro blip che si diresse in un'altra direzione dall'aereo di Carlos ', eseguendo un giro di 270 gradi in un raggio di 3 o 4 miglia a una velocità di 450-500 miglia all'ora (805 Km/h). Il signor Interian Diaz disse che non sapeva quale aeromobile era in grado di eseguire tale manovra.

Un'approfondita indagine venne condotta da un ingegnere aeronautico, con l'aiuto dell'investigatore Fernando Telles.
Per quanto riguarda la teoria relativa alla bassa reazione di zucchero nel sangue: Carlos non presentava nessuno dei sintomi di ipoglicemia (zucchero nel sangue):. Torpore, irritabilità, sovrappeso se fosse effettivamente stato un ipoglicemico e soffriva di allucinazioni , la paura avrebbe innescato un rilascio di adrenalina nel suo sangue che avrebbe, a sua volta, ha innescato un elevato flusso di insulina, con conseguente shock, nel qual caso egli non sarebbe stato in grado di fare atterrare l'aereo.


Condividi basta un click!

3 commenti:

Alberto ha detto...

Proprio verso la zona del vulcano popocatepetl dove adesso ci sono MOLTISSIMI avvistamenti.......

amon_adamas ha detto...

Di queste notizie in rete ce ne sono una valangata...

FABIOSKY63 ha detto...

un caso storico! un episodio vero... :)

con riscontri radar visuali, e riscontri clinici negativi...ovviamente questo vola troppo alto eh!eh! "per le valanghe"... :D

qui alcuni particolari, precisati dal testimone come "corretti", rispetto l'articolo sopra...ed altri non citati... ;)

http://inexplicata.blogspot.it/2010/05/mexico-interview-with-carlos-de-los.html

a mio avviso probabile IR4 celato in una "subroutine" di una "link time-zero" aperta sul nostro continuum spazio temporale...di questi casi ce ne sono tanti -vero- ma NON "in internet"... o_O

e mi ricorda un'altro caso storico -del 1928?- "raccontato" dal comandante Byrd e dal suo coopilota, tratto dal suo "diario" segreto...un breve estratto...

"...Tento di mettere in contatto il campo base. La radio non funziona.

Ore 11,30 - Il paesaggio sottostante è più livellato e normale (se è il caso di usare questa parola). Avanti a noi avvistiamo ciò che sembra essere una città!!! È impossibile! L'aereo sembra leggero e stranamente galleggiante. I controlli si rifiutano di rispondere! Mio Dio!
Alla nostra destra e alla nostra sinistra ci sono apparecchi di uno strano tipo. Si avvicinano rapidamente ai lati! Sono a forma di disco e qualcosa irradia da essi. Ora sono abbastanza vicini per vedere i loro stemmi. È uno strano simbolo. Non lo rivelerò. È fantastico. Dove siamo! Cosa è successo. Ancora una volta tiro decisamente i comandi. Non rispondono! Siamo tenuti saldamente da una sorta di invisibile morsa d'acciaio.

Ore 11,35 - La nostra radio gracchia e giunge una voce che parla in inglese. Il messaggio è: "Benvenuto nel nostro territorio, Ammiraglio. Vi faremo atterrare esattamente tra sette minuti. Rilassatevi, Ammiraglio, siete in buone mani". Mi rendo conto che i motori del nostro aereo sono spenti. L'apparecchio è sotto uno strano controllo ed ora vira da sé. I comandi sono inutilizzabili..."

il resto è qui...

http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/tc_byrd.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Evelyn_Byrd

di casi simili a questi ce ne sono molti nella storia ufo-logica...la maggior parte misconosciuti ai e dai più... o_O

dimenticavo...i simboli sugli scafi (caso Byrd) erano quelli della croce uncinata dei Veda...

http://it.wikipedia.org/wiki/Svastica

croce più, croce meno... :)

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...