14 dicembre 2012

LA RUSSIA ANCORA SOTTO I RIFLETTORI, ORA SPUNTA LA ROSWELL DI EPOCA SOVIETICA


La Russia non smette di essere al centro del dibattito sugli ufo e l'esistenza della vita extraterrestre. Il primo ad alzare il sipario sulla questione è stato l'ex cosmonauta sovietico Georgij Grečko che, in una intervista rilasciata al tabloid russo My Secret Stars, si è detto disponibile ad incontrare gli alieni il prossimo 21 dicembre 2012.

Poi è toccato all'emittente televisiva Russia Today che ha mandato in onda un'intera trasmissione dedicata agli alieni e alla necessità di preparare la popolazione mondiale al primo contatto con una civiltà aliena. Ancora, qualche giorno fa il premier russo Dimitri Medvedev, in un “fuori onda” choc, si è fatto scappare alcune dichiarazioni sconcertanti sugli ufo e l'attività aliena sul nostro pianeta. Ora, in una mostra organizzata da un'ente affiliato allo Smithsonian Institution, un “Autentico Artefatto Alieno” proveniente dall'Incidente di Dalnegorsk, l'equivalente russo del caso Roswell.

Tra il 6 e l'8 dicembre 2012, Travel Channel ha messo in onda diverse repliche della puntata di Mysteries at the Museum (Misteri al Museo) dedicata ad una particolarissima mostra promossa dal National Atomic Testing Museum, ente associato allo Smithsonian Institution, nella quale è possibile osservare “una raccolta di misteriosi detriti che potrebbero essere la prova dell'esistenza di intelligenze aliene”.

Secondo quanto dichiarato in un comunicato stampa da Allan Palmer, direttore del museo, la mostra prende in esame alcuni frammenti ritrovati nel 1986 dopo una misteriosa esplosione avvenuta a Dalnegorsk, una città mineraria dell'estremo oriente della Russia. I metalli sarebbero stati raccolti in seguito allo schianto di un velivolo non identificato avvenuto il 29 gennaio 1986 sui Monti Izvestkovaya.

Da quanto riportato dalla Pravda (http://english.pravda.ru/society/anomal/05-02-2010/112049-dalnegorsk_ufo_crash-0/), i testimoni descrissero l'ufo come una sfera silenziosa rossastra che saliva e scendeva lentamente, amplificando la sua luminosità ogni volta che riprendeva quota. Secondo i racconti, poi l'ufo si avvicinò ai monti, “si udì una forte esplosione”, per poi “cadere a terra come una roccia”. L'incidente è ampiamente indicato come il caso Roswell russo, in analogia al famoso presunto “ufo crash” del 1947 nei pressi di Roswell, New Mexico, negli Stati Uniti.

Secondo quanto riporta il giornalista americano George Knapp sull' Huffington Post (http://www.huffingtonpost.com/2012/03/22/area-51-russian-roswell-ufo_n_1373352.html?ref=weird-news ), Valen Dvuzhilini, dell'Accademia Russa delle Scienze, fu il primo ad arrivare sul posto, due giorni dopo l'accaduto. Lo scienziato raccolse alcuni campioni sparsi sul terreno di una strana lega metallica e campioni di rocce e vegetali bruciati a seguito dello scoppio. I campioni furono poi analizzati da diversi istituti scientifici russi. Nei giorni successivi all'incidente, centinaia di testimoni raccontarono di aver visto altri ufo aggirarsi sul luogo dello schianto, come se stessero cercando qualcosa.

Grazie al suo impegno e ai suoi contatti negli Stati Uniti e in Russia, George Knapp (vincitore di una dozzina di Emmy Awards) è stato il primo giornalista americano a recarsi sul luogo dell'incidente nel 1990. Gli furono mostrate alcune sfere di materiale vetroso molto piccole e perfettamente tonde, le stesse attualmente in mostra al National Atomic Testing Museum.

area-51-mito-o-realt%25C3%25A0-01.jpg

Secondo quanto descrivono le didascalie della mostra, gli esami scientifici sui materiali hanno fatto registrare comportamenti bizzarri: “Tre centri accademici sovietici e altri 11 istituti di ricerca hanno analizzato i detriti prodotti dall'indicente ufo. Le analisi hanno mostrato che la configurazione atomica del materiale ferroso è molto differente dal ferro normale e non può essere rivelato dagli strumenti radar. Inoltre, il materiale, quando riscaldato, è in grado di scomparire per poi ricomparire una volta raffreddato. Un pezzo è completamente sparito davanti a quattro testimoni. Infine, il nucleo del materiale è composto di una sostanza con proprietà antigravitazionali”.

“Gli scienziati russi sono sempre stati prudenti e non hanno mai dichiarato che questi oggetti provengano da un altro mondo, ma nemmeno si può negare che siano in possesso di proprietà insolite”, spiega Knapp.

area-51-mito-o-realt%25C3%25A0-03.jpg
La teca dedicata all'Incidente di Dalnergorsk si inserisce in una mostra più ampia intitolata “Area 51: mito o realtà”, nella quale vengono mostrate alcune testimonianze storiche su quello che è considerato uno dei luoghi più segreti d'America. Aerei spia come l'U2 e l'A-12, sono stati testati regolarmente in questa zona collocata a circa 80 miglia a nord di Las Vegas. Alcuni modelli di aerei staelth, e altri velivoli, sono stati esposti all'interno del museo.

Alcune delle aree della mostra sono state dedicate alle speculazioni in corso sulla possibilità che l'esercito degli Stati Uniti sia venuto in possesso di alcuni rottami di origine extraterrestre ritrovati nel 1947 nei pressi di Roswell.

La mostra non si limita ad esaminare i casi ufo americani. Ed è qui che viene mostrato il materiale del caso Dalnergorsk, dietro un cartello che recita “Autentico Artefatto Alieno”. L'uso della parola “autentico” è un affermazione piuttosto audace, considerando il fatto che la mostra - la prima di questo genere in un museo nazionale - è stata organizzata in una struttura affiliata allo Smithsonian Institution. Ci si chiede, allora, se l'apertura della mostra sull'Area 51 non possa essere il segno che il governo americano (e quello russo) siano pronti a rivelare l'esistenza di civiltà extraterrestri che operano ordinariamente sul nostro pianeta.

La missione globale della Smithsonian Institution è quella di “dare forma al futuro, conservare il nostro patrimonio, scoprire nuove conoscenze e condividere le nostre risorse con il mondo”. A quanto pare, la missione globale comprende anche l'esposizione di possibili detriti di uno schianto ufo. Forse la descrizione di “Autentico Artefatto Alieno” è un altro passo avanti sulla strada della divulgazione di E.T.


fonte


2 commenti:

gianni ha detto...

questo non centra nulla con l'articolo, che, scusa.. è troppo lungo e lo leggerò più avanti.. centra con la sritta d'apertura del blog, è vera la frase di einstain, ed è vero anche che gli alieni la stanno sfruttando, per fortuna non tutti, questo lo affermo grazie al cerchio nel grando dell'alieno che mostra un cd, dove c'è chiaramente scritto in ASCII.. non credete a chi vi sta offrendo tecnologia, sono solo pacchi, beh queto è un riassunto.. e quindi posso affermare che certi alieni sono cattivi e che per quel che ne so io, e visto che le scie chimiche no ci sono da tanto, direi che qualche pirla americano gli ha dato in cambio qualcosa che appartiene all'umanità, in cambio di una falsa tecnologia per abbattere l'inquinamento e controllare il clima con le scie chimiche, che magari preparano l'atmosfera a loro...beh.. rileggendo è un bel viaggio mentale, ma ci sta.. come le peggiori ipotesi sembrano balle e poi sono verità...

Annalisa ha detto...

Sì si alla fantasia non c'è alcun limite. Basta.

Posta un commento

<<< Si pubblicano solo commenti utili costruttivi ed educati, e in linea con lo spirito del blog >>>

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...